Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi


“Impara l’arte e mettila da parte.” Recita così un antico proverbio. Io quale arte devo mettere da parte? Non sono di nessuna parte, né a destra né a sinistra, forse prima ero da qualche parte. Ora né bianco né nero, né fucsia né violetto, né toro né vergine. Sono astemio. Libero da usuali schemi e magari fosse così, invece sono stroncato in una figura che non è mia, non mi appartiene, tutte mostrine e paillettes. Vorrei essere vagamente somigliante alla mia idea di vita. Almeno provarci. Blasfemo per scelta, cristiano a intermittenza, buddista solo rare volte. Vado condito con poco olio, perché sono grasso di mio. Senza sale, ho la pressione alta. Sono vecchio o almeno a tratti mi ci sento. Perché ho scritto questa miriade di castronerie? Soprattutto non capisco perché imperterrito continuo a farlo?
Non lo so. Forse per puro egocentrismo? Non lo so.
Amo il mare, baciare, lettera, testamento.
Odio chi frigge il pesce con l’olio bruciato. Chi ha ucciso Falcone e Borsellino, la mafia tutta. Mi piacciono quelli che cantano sotto la doccia, chi non ha l’ombrello quando piove e poi si asciuga i cappelli scompigliandoli all’aria come fanno i cani che i capelli non li hanno.
Questo sono io.
Non amo chi fa la pipi fuori dal water, chi ha votato D’alema e doppia V Veltroni. Non parlo di Berlusconi. Chi ha amato bondi, la russa, brunetta, calderoli, e perché fare torto a borghezio. (penso nessuno, forse neanche la loro madre) Amo, o forse sono indifferente, a chi conosce Diliberto, chi si ricorda di Bertinotti, di Gimondi, di Coppi. Chi pensa che Milan kundera sia finita due a uno per il Milan. A chi è convinto che Primo Carnera è solamente un taglio di carne.
Non nomino il numero tre per paura di pagare troppe tasse, perché tale numero potrebbe essere associato a Monti.
Mi sono simpatici quelli cui pensano che la Fornero da giovane faceva la cubista e ogni tanto per allentare la pressione e non solo quella fiscale la faccia ancora. (Non andrò più in discoteca)
Detesto chi rompe i coglioni, tirando fuori Dalla ( Lucio) dicendo che era gay, ma non conclamato. Sì, proprio cosi, su certa stampa ho avuto il dispiacere di leggere questa immane scempiaggine; ripeto conclamato. Notate bene, solitamente questo termine si usa per parlare di malattie ancora definite vergognosamente vergognose, ad esempio come l’aids. Appunto, Dalla (Lucio) ha avuto un funerale cattolico e giù macerie di polemiche, milioni di parole a uso e consumo del più inutile nulla. Che senso hanno avuto? Uno solo quello di vendere chiacchere a buon mercato. Anche Bruno ha avuto un rito cattolico ed era esplicitamente gay. Usciva facendosi vedere tranquillamente in giro con il suo ragazzo. Ci andava a fare spesa al Market sotto casa, venivano al bar di quartiere insieme e ci litigava spesso non risparmiandogli assurde scenate di gelosia davanti agli occhi di tutti. Era pacchianamente noto, tutto alla luce del sole. Bruno era gay, ma dalla sua bocca non è mai uscita la frase “io sono gay,” proprio come Dalla, (Lucio) di conseguenza non era conclamato; però Bruno non era nessuno, era solo un operaio e del suo funerale cattolico non è fregato un cazzo a nessuno.
Alcuni (molti) si sono limitati a commentare in tal modo: “E’ morto Bruno! Bruno chi? Quello di Porta Marroncina? Sì, quello! Ah lù froce, (dialetto) a penzà non era manche vicchie.” (sempre dialetto)
Ciao Bruno, non mi eri granché simpatico, ma non perché eri gay, solo saccente e un tantino logorroico, però una volta mi hai prestato le statuine del presepe a cui tenevi molto, per questo motivo un velo di pensiero da parte mia per te ci sarà sempre.
Tutto questo per dire?… Assolutamente nulla.
Ah dimenticavo, sono in carcere, sono in una cella tre per due, insieme a un paio di disperati. Sicuramente stanno peggio di me.
Il primo: un tunisino che ci prova in continuazione. Disegna margherite, le colora come un bambino dell’asilo le ritaglia con i denti, poi me le regala scrivendoci Mon Cheri, ma va a cagare mica sono Amanda Lear? ( Chi se la ricorda?) L’altro è un foggiano, ignorante come il buio in una notte di tempesta durante un black out totale. Sfinito, annoiato e innervosito, per passare il tempo scrivo. Perché sono in carcere? Non lo so neanche io.
Sono innocente.
Ho ammirato il sole sorgere. (centinaia di volte) L’ho visto soccombere. (migliaia di volte)
Ho visto mio Figlio nascere, mio Padre morire, mia Madre sorridere.
Non ho mai leccato il culo a nessuno. Vagamente so chi sia Alexander Solgenitsin, non amo Pirandello, forse perché non l’ho mai letto.
Getto nel fuoco De Mita mi stava sui coglioni. (pure adesso)
Apro vie annaspando su brulle rocce spesso innevate di cui non conosco il nome, poi gli danno il mio.
Amo osservare i bambini e parlare con loro, sorridergli, e non sono un pedofilo.
Ho avuto mille donne, ne ho amato una sola. Ho amato mille donne, ne ho avuto una sola.
Mi commuovo sino alle lacrime davanti ad una fantastica raccolta di mele in Val di Non, e non me ne frega un cazzo di un terremoto devastante in Cina che miete un milione di vittime. (tanto sono Tanti)
Amo la formula uno solo quando ci sono gli incidenti.
Non mi piace il calcio. L’unico calcio che mi è piaciuto è quello che ho dato a Sabrina, una stronza demente che non me la voleva dare, dopo che aveva visto le dimensioni. Grandiiii? No piccole. (era appena stata con Rocco)
Sono paranoico, ipertrofico, ipersensibile, iperbarico. Sono Mazinga.(Non gettate i componenti non ho bisogno. Faccio da solo.)
Ricordo Tarzan, una domenica pomeriggio del 72 o del 74, la memoria inizia a tradirmi, scusatemi. Dicevo; lo guardavo in TV insieme a mio padre, in quel mentre si scatenò l’apocalisse, la casa, i mobili vibrarono, le luci si spensero; Tarzan cadde dalla liana. Cazzo il terremoto. Volevo scappare, mia sorella usci dalla stanza urlando, era così cinerea, sembrava uscita in quel momento dal Louvre dopo aver avuto un incontro ravvicinato con Belfagor. Mio padre tranquillo le chiese: “perché urli?”
“Babbo, Babbo, il terremoto!” Non smuovendo ciglio come suo solito rispose: “ma quale terremoto; è solo Cita che ha fatto una scoreggia. E mia sorella rassegnata se torno nella sua stanza confinata tra ventiquattromilabaci e una rotonda sul mare.
Tutto questo per dire che la vita va presa per quello che è e soprattutto per quello che non è. Non è tutto oro quello che luccica. Dai i diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori, così suggeriva l’illuminato Faber. (più o meno)
A ognuno il suo.
Baci, abbracci, caramelle, arance, tric trac, bucce di limone, pop corn, zucchero filato e inceneritori.
Naturalmente non dimenticate activia quello della Gepi ( avete visto come è dimagrita?) anche se penso che dopo questo post non ce ne sarà bisogno, fa cagare di suo.
Addio. O meglio arrivederci. (spero)
Questo anche per dire che la scrittura va presa seriamente, sì, ma sempre con le dovute controindicazioni e soprattutto con tanta, tanta leggerezza. (e chi vuole intendere, intenda) (e chi vo Die che su le prega.) [Dialetto]
Chiudo con un importante e considerevole citazione del noto filosofo italo croato Peligno Marigno, detto Peli: ” E quando l’ Amore c’è… l’ amma tira lu pè… lu pé tira l’amma, l’amma, l’ amma, l’amma… e quando l’Amore C’E… na na na ra na na na ra na na na ra na na na ra na……. L’ importante è che C’E’ e che sempre ci sarà.

A Francesco.

Ho trovato questo post sommerso tra le macerie delle bozze, neanche lo ricordavo. Penso di averlo scritto circa un anno fa. Comunque subito dopo la morte del grande e indimenticato Lucio Dalla. Sono appunti ironici, forse possono apparire anche un po’idioti, sicuramente demenziali, ma non li voglio svilire più di tanto e sinceramente lo consiglio anche a voi, e non è una minaccia. Perché comunque è vero che non sono sempre d’accordo su quello che penso e soprattutto scrivo, ma qualche volta sì.
Buona vita a voi tutti
con affetto
Nazzareno.

Commenti su: "“NON SEMPRE SONO D’ ACCORDO SU QUELLO CHE PENSO”.atto unico di e con …………………….." (9)

  1. Non li trovo demenziali, anzi direi che sono come uno sfogo, come quando uno inizia a scrivere e va a ruota libera, senza badare a nulla, alla forma, alla punteggiatura. Scrive e basta, quindi alla fine nelle parole ci sono i suoi pensieri, le sue idee, se stesso.
    Buona vita a te e buon fine settimana
    Pat

    • In effetti l’ho trovato così senza alcuna forma ne punteggiatura, modificarlo per dargli una parvenza di logicità mi è quasi dispiaciuto era bello così primordiale. Ciao Pat buon sabato sera.

  2. anchio li trovo come uno sfogo…direi cosi
    serena serata a te caro

  3. Ciao, Naz. Fantastico questo tuo post, questo “urlare” in silenzio la tua rabbia! Buon Weekend, caro amico! Osv.

    • Forse in qualche modo è così sfogare un modo per liberarsi trattando argomenti seri in modo ironico. Ciao Osvaldo Buon fine settimana

  4. Buona vita Naz…. capita di aver bisogno di sfogarsi e se si leva il tappo quello che è rimasto dentro per tanto tempo si catapulta fuori in ordine sparso….. sì, mi è piaciuto!

    • Innanzi tutto Grazie per il tuo apprezzamento molti di quelli argomenti sopra meriterebbero un approfondimento. Comunque si è un dar sfogo a liberi pensieri e un modo di esercitarsi nella scrittura Ciao Fausta le tue visite per me sono sempre molto gradite .Buon Fine settimana.

  5. Ciao caro Naz… non li trovo ne demenziali ne idioti… molto ironici…
    mi sono piaciuti molto….
    buona vita a te… con affetto Gianna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 216 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: