Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

Archivio per luglio, 2010

Nen c’aveme na lira pe fà canta nù cieche.

In un fresca serata di luglio, si stava proprio bene, era gradevole respirare quell’ aria libertina alquanto vispa, dopo essere massacrati e arrostiti nella calura dei giorni passati. In una piazzetta di un borgo rupestre, in una  atmosfera felliniana, da una fisarmonica appena sfiatata delle note accordate alla buona si levavano all’ aria sorridenti. Un cieco, un non vedente con notevele maestreia era il fautuore di tutto ciò; quattro vecchi tavoli sgangherati, sei sette persone come pubblico, vino bianco in abbondanza accompagnavano degli ottimi arrosticini cotti alla brace, un quarto di luna come riflettore ed ecco fatto il miglior palcoscenico si poteva desiderare. Il repertorio svariava da bella ciao ad azzurro, passando per la maestosa Vincerò. Bravo Enzo, mio caro amico non vedente, bravo davvero ci hai regalato una semplice e bella serata. Sarà pur vero che siamo un associazione squinternata e traballante, come le seggiole dove eravamo seduti, di certo non è scontato che non c’ abbiamo una lira per fare cantare un cieco,  lui ha cantato e suonato e noi abbiamo pure ballato. Grazie Enzo.Veramente una gran bella serata .
Annunci

Tag Cloud