Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

Maledetto mal di pancia.

Sono attanaglianato da atroci dolori al ventre, mi contorco sul divano provo a stare supino, ma và! Nulla mi è di giovamento, maledetto mal di pancia, gli spasmi col passare dei minuti aumentano, sono solo, nessuno con cui condividere questo terribile strazio. Tristezza, dolore si mescolano in me. La tv blaterà parole che non comprendo, non mi interessa è solo rumore almeno mi distrae. Mi alzò dal divano, provo a camminare, niente cambia il male non si attenua, IDEA… Ora provo col buscopan, vado in cucina apro il casetto dove tengo riposti i medicinali eccolo! Fortunatamente c’è, apro la confezione, cazzo è vuota, ora che faccio? Devo sperare passi subito questo cavolo di mal di pancia. Un suono irrompe nel notturno malessere, è il mio cellulare, chi sarà a qust’ora?  Numero sconosciuto, rispondo “pronto” dico con voce rauca, dall’ altra parte stridente troneggia:- Stronzo hai il mal di pancia? ti è venuta la diarrea? ci devi sprofondare nel cesso. “Letizia che cazzo dici? che ne sai tu del mal di pancia?” feroce prosegue: – sono stata io. Oggi pomeriggio quando ci siamo visti al bar ti ho versato alcune goccie di detersivo per i piatti nella tua maledetta birra.- “Perchè? Cazzo ti ho fatto? Sei impazzita?” – No non sono impazzita! tu sei uno stronzo!- “Non ho fatto nulla aiah aiah ma vanfaculo troia! Stronza sarai tu! aiah, aah, aah. Cazzo devo andare in bagno lasciami in pace.” -Crepa bastardo !- “perchèèèè” annaspo oramai in preda a delle vere e proprie convulsioni. Malefica ribatte -te lo sai.- “Io non sò un emerito cazzo. Aiah, aiah che male, ma va a fanculo stronza.”
-CREPA BASTARDO!-
chiude la chiamata.
Ma che ho fatto? io non ho combinato nulla, cazzo avrà? Arrovellato nei miei Dannunziani dubbi, ecco; finalmente…. Giù un tonfo sordo nell’acqua, un altro ne segue aaaaaa….. finalmente! EVVIVA che liberazione. Dalla stanza da letto lei dice: – Amore è andata? ci sei riuscito? il dolore è scomparso?-
“Si sta passando, stò meglio, era ora, non ne potevo più. Non è possibile che quando vado stitico per cagare devo inscenare questa commedia.” -Dai amore l’ importante che è passata.- “Si Letizia ma non posso andare avanti così devo decidemi ad andare da uno specialista, uno piscologo che sò, qualcosa devo fare.” Dai non ci pensare vieni a letto, ora dormiamo.- Hai ragione piccola per stasera basta.”Dicendo ciò mi infilo nel letto.
Letizia prende a carezzare la mia esausta pancia baciandomi dolcemente, con voce suadente esterna: -Ho un idea.- la sua mano scivola maliziosamente  più in basso, -che ne dici?-
“DICO.”
Vanfanculo al mal di pancia.
“Ti amo letizia”
-anche io ti amo tanto, te e la tua pancia.-

Annunci

Commenti su: "Maledetto mal di pancia." (36)

  1. in fondo al cuore ha detto:

    Un finale dolcissimo…….certo che proprio proprio normale la cosa non è…..ma se funziona….. Un abbraccio Naz, buon fine settimana!

  2. Bè un pezzo un po’ diverso dai tuoi soliti scritti, non sembri quasi neanche tu! Ma sarà mai capitato a qualcuno una cosa del genere?

  3. E questo da dove l’hai tirato fuori ahahhaha, scusami ma mi ha fatto molto ridere questo tuo racconto, anche se usare un metodo così è alquanto strano, ma si sa che ognuno ha le sue manie e fisime 🙂
    Ciao, buon fine settimana
    Pat

  4. carina questa storia, buon fine settimana 🙂

  5. Direi che la conclusione ti ha ripagato del mal di pancia.
    Buona serata, Sam.

  6. Ahi il mal di pancia.. buon week-end Nazzareno:)

  7. che è? un nuovo medicamento contro la stitichezza?? e gli eccipienti quali sono? Le parolacce a josa? Beh, sì….quelle fanno proprio ca….
    🙂

  8. hahahahah orignale come metodo…..ma se funziona!!!!!
    però mi farei vedere dal medico hahahaha…
    buongiorno Nazzareno, ti auguro una buona giornata e un sereno fine settimana….
    un abbraccio!!!!
    Clicca

  9. lucetta ha detto:

    All’inizio sono rimasta confusa ed dispiaciuta per te, per la tua solitudine, per il tuo terribile mal di pancia, per il buscopan che era finito, per Letizia così “tremenda” e mi dicevo “Bell’amante che ha se le somministra detersivo nella birra!!!!”….per accorgermi alla fine che era tutta una burla ed io me l’ero bevuta.Sei bravo a scrivere poesie ma anche a…..raccontare balle!!!! Ciao.

  10. Un piccolo rimbrotto… “Così impari a farti venire il mal di pancia”.
    Però..Ne hai di fantasia
    Con simpatia
    Gina

  11. bel finale Poeta, un buon w.e.!

  12. Ecco un’ottima cura per il mal di pancia!! Altro che buscopan… 😀
    Ciao Nazz, buon weekend e un abbraccio!

  13. aiah aiah stavolta non mi fa male la pancia, ma la testa, è squilibrata. cosi mi sono divertito a scrivere questa stupidata. scusatemi per le parolaccie ma stavolta ci stavano con quel dolore. grazie a tutte. buon fine settimana

  14. Una storia davvero divertente e originale.
    Con un tenero finale.
    Buona serata

  15. Wow! Frizzante e spiritoso il tuo racconto…una scena finale tenera e dolce…
    Ti auguro una buonanotte e un buon fine settimana
    Trisch

  16. accantoalcamino ha detto:

    Tutto è bene quel che finisce bene 😉
    Buon fine settimana, ieri ho intravisto Nicola 😀

  17. buona domenica a te kissss

  18. Sarà che io son abbonata al mal di pancia (e al buscopan), ma leggere il tuo post mi ha proprio causato un dolore virtuale e mi sono immedesimata.
    Sorvolo sulle parolacce, perchè si sposavano bene col post e il finale, beh…è da standing ovation 😉
    Un abbraccio, Naz e buona domenica!

  19. haha…non tutto il male vien per nuocere…
    Originalissimo, Nazz….
    Un caro saluto
    Loredana

  20. Divertente in effetti poi èvero tutto è bene quel che finisce bene.Libera Nicola l’ho intravisto anche io. penso tra poco torni mi è parso un pò confuso buonanotte a tutte voi.

  21. Ciao Nazzareno…passato il mal di pancia? Spero di si….Mi hai fatto sorridere parecchio con questa storiella….
    Buon pomeriggio…un abbraccio

  22. Carissimo Nazz mi hai davvero divertita! Leggevo e non mi sarei mai aspettata un finale cosi! Vedi in effetti la mente umana è davvero strana e quasi quasi posso anche convincermi che una storia così possa anche succedere nella vita reale. Non ti dico il grado di parentela eh eh eh ma conosco una coppia che lui trascorre ore in bagno e lei cerca di passargli tutti i rimedi possibili e immaginabili per dargli un pò di “sollievo”, l’affiatamento tra due persone è anche questo! Eh Eh eh. Bravissimoooooo! Complimenti e un abbraccione!

  23. Io mi son divertita… ho sorriso e questo basta… il fine giustica sempre i mezzi… 🙂 🙂
    Una buona serata a te, un abbraccio
    Fata scalza

  24. Ciao Nazzareno, una storia veramente bizzarra, con finale a sorpresa, come ti dicevo ti conosco ancora poco, ma mi sono divertita a leggerlo, una buona serata a presto.

  25. ciao a tutte scusate la mia poca presenza sul blog ma purtroppo gli impegni di lavoro mi tengono lontano. Sono contento che vi sia piaciuta anche io mi sono divertito a scriverla grazie buonanotte

  26. Lavora tranquillo, io e le Amiche siamo ancora qui
    Un abbraccio
    Gina

  27. Simpaticissima storia, sembra quasi vera ahahaha!!!!!Un abbraccio, Maria.

  28. Ciao. La mia risposta al tuo commento (6 ottobre):

    “Oh naz!!!!! E nmeno male che ho controllato….non uso spesso questo mio secondo blog, e se non avessi pensato “vediamo cosa trovo sull’altro blog..e’ tempo che….

    “Come butta”? Son passati giorni e non ricordo…”butta” nel senso di…piove?!!!
    🙂 No matter-non importa-, importa il tuo saluto, che ricambio con piacere”.
    *****************************************
    🙂 Comunque oggi da me e’ una bella giornata.

    Ciao Ze’.

    Marghian

  29. Ciao Nazz…Ti lascio un sorriso… buon weekend
    Un abbraccio
    Trisch

  30. Che problema! Capire non lo puote se non chi non lo prova!
    Solo mi chiedo: ma come fai a crederci ogni volta sapendo che è na finta?
    Un abbraccio e buona settimana 😉

  31. cavolo nazz l’ho letta tutta d’un fiato. sembrava una storia vera, mentre leggevo dicevevo ma che gli avrà fatto mai .. ma dico è pazza a mettere il detersivo nel bicchere! be, molto carina e spiritosa questa storia.. grazie mi è piaciuta tantissimo ti abbraccio .adriana

  32. Schöne Fotos und ein schöner Blog Grüsse dich mal lieb aus Köln und wünsche dir einen schönen Tag Gislinde.http://zitroneblog.wordpress.com

  33. e io che soffro spesso di coliche addominali non conoscevo questo bel rimedio!D’ora in poi anziche farmi fare la puntura, telefonerò a qualche bel fustaccione…..:-D
    Racconto divertente, magari un pò meno di parolacce…non sono puritana,perchè le dico anch’io,
    però eccedere non va mai bene.
    Buona Domenica
    Ross

    • si potresti adottare anche tu questo metodo. sono contento che la storiella ti sia piaciuta. per la parolacce, di solito sono misurato nell’ inserirle nei miei racconti, pochissime. qui ho esagerato? sicuramente si, ma la storia la vedevo così. mi scuso per questo. un caro saluto buona domenica

  34. Somebody essentially lend a hand to make significantly articles I would state.
    This is the first time I frequented your web page and thus far?
    I surprised with the analysis you made to make this particular publish amazing.

    Fantastic task!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: