Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

Finalmente è finita, anche questa settimana è andata. Il lavoro è proprio divenuto impossibile, troppo stressante,non ne posso più. Questo fu il pensiero di Alessio in quel venerdi sera. Raccolse le sue cose dalla scrivania, spense il pc. Uscendo dalla palazzina uffici incrociò Fabio, un suo amico, autista della ditta, scambiarano due chiacchere. Alessio declinò l’invito a prendere un aperitivo insieme, affermando di avere degli impegni, non era una scusa,davvero aveva da fare. Salì a bordo della sua lussuosa auto sistemando in maniera minuziosa ogni particolare, lo specchietto retrovisore, azionò il cliamatizzatore, infilò la cintura di sicurezza, accese lo stereo, collegò il vivavoce, avviò il motore, partì. Alessio è un pignolo, meticoloso, uno status di vita il suo; nelle cose di casa, nel lavoro, nel tempo libero, tutto deve essere perfetto, il suo vocabolario non contempla i termini; disordine, improvvisazione, noncuranza.
Prese il telefono compose un numero:
-Ciao sono io, tutto a posto? … si, si, stasera ci sono, per le dieci sarò lì, ok puntuale, non ti preoccupare, ciao a dopo,…si ciao.-
Chiuse la telefonata, ne fece subito un altra:
-Ciao Amore come stai?…. Si io bene, la solita giornata del cavolo… sai i clienti, fastidi vari, qualche intoppo, alla fine tutto nella norma….. Il capo?… No, non c’era infatti molte telefonate destinate a lui l’hanno girate a me. Ora devo andare a fare anche questo cavolo di corso ……. lo so è utile per la carriera, però sai dopo che mi sono sobbarcato un’intera settimana di lavoro subire quattro ore di lezione non è proprio come andare sulle giostre, questa tortura la dovrò subire fino a maggio. Immagino la noia non passare i venerdì sera con te, dormire in albergo, tornare tardi la mattina del sabato, sono già stufo…….. Amore sei gentile, molto comprensiva…. Lo so che mi ami, anche io tanto. I bimbi cosa fanno? Stanno bene?…. Bellooo! Elisa ha parlato oh… tenera la mia piccina e cosa ha detto?… Mamma, no.no.no,pa… pa, brava la mia bambina, non vedo l’ ora di sentirla farfugliare. Pensa tra due giorni compie già un anno, sembra ieri.
A proposito per il suo compleanno è tutto ok? Stai organizzando?…………….. Perfetto sei brava in questo, pensaci tu hai tutta la mia fiducia. Francesco invece …….bene le solite cose. Ok amore ora ti devo lasciare mi concentro sulla guida, c’è questa pioggerellina fastidiosa … Si vado piano stai tranquilla, finito il corso non ti chiamo, ti lascio riposare, lo farò domani mattina appeno sveglio. Ciao amore un bacio, dallo anche ai bimbi. Buonanotte… Si TI AMO… Ciao.
Alessio sbrigate le formalità delle telefonate davvero si concentra nella guida, non deve fare tardi, non può. Si sente viscido,raccontare tutte queste bugie a Paola, sua moglie, ma quello che deve fare è importante, fondamentale per lui, quasi quanto la sua famiglia che adora. E’trascorsa quasi un’ora da quando è in viaggio, pensa è meglio fermarsi. Parcheggia in un area di servizio nel posteggio abituale dei camion, approfittando del buio si nasconde tra due potenti bisonti della strada in sosta. Apre il bagagliaio dell’auto e da un borsone tira fuori degli indumenti accuratamente nascosti. Inizia a svestirsi veloce, la temperatura non è delle più miti essendo novembre, prima la giacca, poi il resto, fino a rimanere nudo, solo in mutande. Infila gambaletti di nailon, un reggiseno imbottito una seconda, quasi una terza, a fatica riesce ad allacciarlo al torace, questa operazione è il solito dramma, mette un paio di jeans attillati con una leggera decorazione di strass, (fanno molto lolita) una camicetta giallo pastello,un maglioncino chiaro aperto e un blazer color ruggine, molto carino. Rientra in macchina collega il rasoio elettrico al quadro del veicolo e via un’altra bella rasatura. Ora viene la parte più difficile e più eccitante allo stesso tempo, il trucco del viso. Non prima di aver calzato degli stivaletti marrone invecchiato, davvero molto belli, sono nuovi li ha acquistati ieri appena uscito dal lavoro, dicendo alla commessa che erano un regalo per sua moglie. Sono un trentanove, Alessio è fortunato ad avere un piede così piccolo, gli offre la possibilità di avere un’ ampia scelta sui vari modelli. Lui ama molto questo accessorio femminile.
Stese uno strato leggero di fondo tinta, poi un fard terra bruciata, proseguì con gli occhi, stick correttivo per rendere meno appariscenti le inevitabili occhiaie, passò il mascara sulle ciglia curvandole leggermente, il rossetto color arancio, il gioco era fatto. Si specchiò constatando che non era niente male, d’altronde non era la prima volta che si truccava. Il suo corpo stava mutando avvertiva delle vibrazioni interiori, scosse a lui molto familiari, ebbrezza pura,eccitazione e paura. Tremava come un giunco al vento. Ora la parrucca, la tirò fuori con cautela dalla custodia. Bella, biondo scuro, capelli fluenti lunghi, delicati come seta, gli era costata un botto, ne era valsa la pena, ne aveva anche altre, a questa teneva oltremodo. La mise aggiustandola con cura, si osservò ancora, si stava proprio bene; nessuno l’avrebbe riconosciuto. Prese una scatolina dove custodiva degli orecchini, molto simpatici, giovanili, un anello in oro bianco con dei brillantini, doveva essere un regalo per Paola, gli era garbato così tanto, decise di tenerlo per lui. L’ultimo tocco, un paio di occhiali da vista, con la montatura sottile, ovviamente con lenti finte, (ci vede benissimo) servono per darsi tono, intellettuale un pò zoccoletta. Eccola era pronta tutto pareva in ordine. Scese dall’auto, respirò a pieni polmoni, Alessia prese la borsa di pelle e con movenze da gatta s’incammino diretta all’autogrill attraversando il parcheggio buio.

fine prima parte

Annunci

Commenti su: "VANESSA. primo episodio “la trasformazione”" (26)

  1. Ciao Nazzareno, anche questo racconto promette bene, sono certa che non deluderai
    nessuno, me compresa.
    La Tua fantasia e il tuo novellare è da primato.
    Un felice e sereno week-end con abbraccio
    Gina

  2. Karmel ha detto:

    Grande storia. Ora, attendere che Alexis è conclusa avventura lgran.
    baci Nazza

  3. Ciao, Naz, l’incipit è ottimo. Aspetto il suo sviluppo.
    Ciao. Buona serata e buin WE. Osv

  4. Solo un appunto: prima si accende il motore e poi il clima 🙂
    Bella storia.

  5. Una storia che si rivela avvincente fin dalla prima parte. Una doppia vita per Alessio…
    Attendo il seguito… 🙂
    Bravissimo come sempre
    Ciao, buona domenica
    Pat

  6. sbrigati con il seguito!

  7. Bellissima storia Nazzareno! Buona Domenica 🙂

  8. Forte!! Aspetto con ansia il seguito…sei fantastico, Nazz! Buona domenica 🙂

  9. Ciao
    Inizio che cattura…..aspetto il seguito…..

  10. Sabrina ha detto:

    Complimenti per l’inizio e, devo ammetterlo… molto realistico. Te lo dice una che ha attraversato -all’inizio- anche quella fase della sua vita e mi domando se trattasi solamente di pura e semplice immaginazione… 😉

  11. Una nuova suspence…l’inizio è accattivante, questo personaggio intriga parecchio, seguito attendesi con curiosità! Ciao Naz, buon pomeriggio!un abbraccio!Maria.

  12. in ognuno di noi c’è una parte femminile ed una maschile, ma ci abituano fin da piccoli a nasconderla, esistono infinite varianti dell’essere donna o uomo e sarebbe interessante osservarci profondamente e riuscire a tirare fuori l’altra parte nascosta
    c’è chi ci riesce con profondi senzi di colpa e con critiche feroci da parte della cosidetta società civile
    a fine racconto ti scriverò ancora

  13. veloce, feroce e splendidamente ‘cinematografico’ il lavoro del grande soavi.alessio boni, il nostro jonathan rhys-meyers, merita di essere esportato, decisamente.

  14. quando era al telefono con la moglie… ho pensato che Alessio avesse un’amante….
    aspettiamo il seguito…
    baci 🙂

  15. storia intricante e misteriosa … aspetto il proseguo … un sorriso … Luli

  16. Bello e avvincente…mi piace già dalla prima parte….
    aspetto il seguito…..
    ti auguro una meravigliosa settimana caro amico…
    un abbraccio per un buon pomeriggio….

  17. Adesso passo veloce…ripasserò a leggere e commentare…
    Un abbraccio Nazz e buona settimana

  18. Alessio e la sua doppia personalità, sicuramente lui riesce a sopportare la vita grazie ai momenti in cui diventa Vanessa. Un bacio e prepara presto il seguito 😀

  19. dolceuragano ha detto:

    Buon inizio settimana, un sorriso 🙂 Carla

  20. E dopo il chirurgo che chiede l’elemosina ora attendo di sapere che combinerà Alessio-Vanessa e naturalmente come finirà a Paola. L’abito non fa il monaco: ne sono sempre più certa 😀

  21. dolceuragano ha detto:

    Sereno week-end Nazzareno , con amicizia un sorriso 🙂 Carla http://i195.photobucket.com/albums/z40/Mimunitaliano/Cadeaux/BuonWeekEnd.gif

  22. promette bene … aspetto il seguito..
    buon fine settimana un sorriso e un abbraccio
    buona giornata

  23. accantoalcamino ha detto:

    Buongiorno Nazzareno, io mi siedo all’ombra e aspetto la seconda parte, a Popof non scappa nulla eh 😉 ? Buon fine settimana.

  24. Ciao Nazz…ti lascio un abbraccio e l’augurio per un sereno fine settimana…troppo caldo per stare al pc…

  25. Schöne Geschichte Grüsse lieb und wünsche ein schönes week-end Gruss von mir Gislinde.

  26. in fondo al cuore ha detto:

    Bella, vado a leggere il finale così me lo gusto tutto insieme questa volta 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: