Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

Archivio per la categoria ‘politica’

Resistete o popolo

080

Resistete o popolo

trucidate

assassinate

morite

per la dignità per la libertà

dei figli e i figli dei vostri figli

per coloro che si tingono di futuro

rendetevi liberi dalle vostre innate performance di schiavitù

dalle cattive abitudini

illusioni di un povero pazzo, di un sognatore senza sogni

No.

non lo farete mai, non lo faremo mai

ordunque; pensate, e almeno

annullate il vostro ego, distruggete il vostro vivere corrotto

le troppe ipocrisie

non predicate bene razzolando male

non additate gli altri come colpevoli

gli altri siete voi, siamo noi

vivete senza arrogare sudici diritti

resistete a voi stessi e le subdole ingordigie

costituitevi alla clemenza, alla non indifferenza

salvatevi, salvatemi

resistete e il mondo forse e sicuramente ne beneficerà

fino a divenire addirittura migliore

resistete a voi stessi e tutto andrà meglio.

Noi siamo gli altri

Gli altri siamo noi.

resistete, resistiamo.

 

 

Annunci

Per fortuna o purtroppo sono italiano

486
Luci gialle, tristi, la piccola televisione accesa, un programma come un altro, sono perso nelle parole crociate.
Mi presento: sono Gennaro Caracciolo agente scelto della polizia di stato; turno di notte, piantone al commissariato di porta ticinese. Sono le due del mattino, pare una nottata tranquilla, forse la definirei anche noiosa, ma qui, mai dire mai. Al momento solo controlli di routine.
Lampeggianti accesi, sotto una pioggia leggera una pantera sobbalzando sull’asfalto, lenta parte. Dalla finestra la vedo scomparire nel vuoto della notte.
Il telefono squilla, rispondo: “pronto commissariato.” All’altro capo una voce rauca dal tono solenne si annuncia: “è l’ufficio della presidenza del consiglio, sono G. R. parlo a nome del presidente, l’Onorevole B. Voi dovreste aver fermato una persona, una giovane donna, è la nipote del presidente Mubarak, deve esserci stato sicuramente un equivoco. Cortesemente mi fa parlare con il funzionario in servizio, sono certo chiariremo tutto in breve. Grazie.”
“Sì, un attimo, attenda.” Provo a passare la telefonata, la musichetta d’attesa scricchiola annoiata, nessuna risposta. Deciso esco dalla guardiola e a gran voce chiamo: “Gerardi è urgente.”
La rossa, vice commissario, una bella donna sulla quarantina, risponde nella sua classica cadenza napoletana “Cosa c’è Caracciolo?”
“Che no so? Ho in linea… dicono sia la presidenza del consiglio, affermano che abbiamo qui la nipote di un certo presidente, tale Mubarak, forse lo sarà di qualche squadra di calcio straniera? Magari russa?”
“Ma quale squadra di calcio, ignorante, è il presidente egiziano, ma qui non c’è nessuna nipote di Mubarak, ci sono solo un paio di puttane.
Vabbè passameli… uff che rottura, sfaccimme, dai fai presto.”
-Non sarà mica uno scherzo?! Così sai, quella come s’incazza.- Penso distrattamente.
Non era uno scherzo, dopo poco aver ricevuto la chiamata da Roma la donna viene rilasciata, è veramente bella. Appariscente senza dubbio. Giovane e con un viso angelico, coronato da una cascata di boccoli scuri che cadono su forme perfette. Madonna…è proprio una gran figa. Certo per essere la nipote di un pezzo grosso, appunto un presidente di stato, non è sicuramente vestita in modo appropriato, anzi alquanto volgare e ordinario. Stivali dozzinali a mezza coscia, sporchi di fango, una minigonna da urlo, in più è scollata oltre ogni ragionevole forma di pudore, le tette paiono straripare come i fiumi dopo la tempesta. In effetti a guardarla bene sembra più una mignotta che una nipote altolocata. Però se si sono scomodati quelli della Presidenza del consiglio, avranno i loro buoni motivi e per di più ad attenderla c’è un consigliere regionale, altra bella gnocca.
“Cosa ci vuoi fare? Essere potenti frutta i suoi privilegi, beati loro.”
Il commissariato piomba di nuovo nelle sue certezze.
“Il nome di Mastroianni, famoso attore, otto lettere. “Ah, questa la so.”
-M a r c e l l o.-

Seduto al tavolo di un bar, sul lungomare di Beirut sto sorseggiando un pastrocchio dal vago sapore di caffè. Strafatto di notte e di altro, l’alba è appena sfumata. Alle mie spalle una sfilza di enormi palazzoni di nuova costruzione spiccano pacchiani in un cielo che non promette nuvole, ma ancora raffiche di sole. Sono italiano, mi chimo Alcide Citterio, trasferito qui oramai da più di tre anni, non ho mai capito quale fosse il vero motivo, sicuramente ne avevo abbastanza. Cosa faccio? Intrugli, imbrogli, traffici, falsifico. Un faccendiere, mai in pace con nessuno, tantomeno con me stesso, specchio fedele di questa nazione, devastata, sorrida, ingannevole, in perenne stato di allerta.
Quando sto per chiedere il conto, due uomini si avvicinano a me, sono sudaticci e affannati, il grasso e basso in un inglese da pieta spiccica: “Mister Citterio dobbiamo parlarle”
“Chi siete?” Non comprendo bene chi siano, capisco quanto basta, credo siano agenti dei servizi segreti libanesi, non mi meraviglio, non è la prima volta chi mi invischiano nei loro loschi traffici. In breve mi spiegano: un italiano, un pezzo grosso, ha dei seri problemi con la giustizia. Ufficialmente il mio lavoro è di svolgere la mansione del traduttore, ufficiosamente è di falsificare certificati medici, trovando strutture ospedaliere complici a reggere il gioco, i libanesi non possono esporsi direttamente. Alla domanda quale fosse il compenso per tale compito, la risposta è perentoria: “very much dollars,” tradotto, un mucchio di soldi.
Con i due compari, i presunti agenti del menga arriviamo in un lussuoso albergo della città. Il basso e grasso rimane in auto, l’altro dalla straordinaria somiglianza con Omar Sharif, un attore arabo in voga fino a qualche anno fa, mi accompagna nella stanza del misterioso personaggio. Dopo un buon tempo di attesa finalmente sono ricevuto. Entro, al centro della stanza, seduto su di una poltrona, un signore distinto di età matura, fuma una sigaretta con aria annoiata. Mi saluta con un formale “buongiorno” e poi dice. “Mi hanno riferito di lei, dicono sia un tipo molto in gamba e può risolvere i miei…” tossicchia come per prendere tempo e trovare l’espressione idonea, poi di getto termina la frase “come dire, inconvenienti.” Rimango inebetito, lo scruto e penso. -Cazzo questo l’ho già visto… ma dove? Ha una faccia maledettamente conosciuta, ma certo, è proprio lui, sì, è Marcello M., il braccio destro del caimano. Cazzo roba grossa.- Prendo fiato e rinvenuto dall’iniziale sorpresa, freddo rispondo: “sì Onorevole, posso.”

Trito, sminuzzo, stendo, tiro. Una botta stratosferica, ora va bene, ancora un’altra? Sì, devo essere lucida. Il trolley è pronto: cosmetici, uno spazzolino da denti, un paio di slip e ventidue chilogrammi di cocaina. Sono pronta, tra poco dovrebbero venirmi a prendere. Mi guardo allo specchio sto bene, sono in forma, allungo un bel po’ di bianca essenza sul comò e via un altro bel tiraccio, il naso va a fuoco per quanto brucia.
“Sta roba è proprio buona, già, già.” Rifletto canticchiando. Soddisfatta di me, della polvere che trasporto, della vita in genere. Sono in auto con Miguel ed Esteban, Bogotá sonnecchia, colorata da un buio sfocato, il traffico è ancora debole. In poco tempo sono all’aeroporto. Sbrigo le formalità doganali e in un baleno sono seduta sul mio volo pronta al decollo. Tutto è filato liscio, come al solito nessun problema. Il boing imperioso si innalza nel cielo. Invece il mio pensiero sfuggevole approda a Paolo, un mio vecchio e fidato amico del paese dove sono nata e cresciuta, uno sfigato. Rimasto ancora a coltivare le sue banali certezze in quel posto dimenticato da Dio e da tutti. Quel rompicoglioni mi ha letteralmente stressato con le sue ingiustificate paure, solo inutili chiacchere. Sostiene di smetterla con il traffico degli stupefacenti, insiste nel dire che non vale la pena correre tutti questi rischi, perché fare il corriere adesso è divenuto molto pericoloso, è convinto che in Italia i padroni sono cambiati e questi nuovi, arrembanti e vendicativi, in qualche modo la faranno pagare al mio caro papi e io potrei essere uno dei tanti obbiettivi per colpirlo e destabilizzarlo, così da renderlo ancora più vulnerabile. Ma va a cagare Paolo… lui è potentissimo, anzi è il potente per eccellenza, finché sarò intima con lui, non ho avrò nessun tipo di problema. Un giorno mentre eravamo insieme in una delle sue tante dimore, mi ha promesso solennemente che presto farà di me un’attrice, una di quelle vere, importanti, girerò un film con un famoso regista e allora sì, la mia vita sarà davvero fantastica.
Sommersa da questi pensieri e telecomandata dall’effetto calante della droga mi addormento.
Fiumicino, finalmente sono a terra, gli arti indolenziti, le gambe formicolano, le ossa scricchiolano, cammino disinvolta trascinando il mio prezioso trolley. Sono davanti al poliziotto doganale, chiede il mio passaporto, sorride fissandomi in modo interessato: -ovvia la sua insistenza, è scontato, la mia bellezza non passa di certo inosservata.-
Prende in mano il documento, lo guarda distratto e in men che meno con fare simpatico me lo rende strizzandomi l’occhio. Ok, è fatta anche stavolta, sono fuori.
-Cosa accade? Cazzo ci fanno tutti questi finanzieri con i cani?-
Uno di loro mi viene incontro con passo deciso e senza alcun sorriso, in un gentile formale mi chiede: “la signora Melissa Piovesani?”
“Sì,… sono io.”
“Mi segua per favore.”
“Cosa succede?… Ci deve essere un equivoco.” Sussurro appena, frastornata dal panico
“Non si preoccupi… venga. Stabiliremo poi se si tratta di un equivoco, intanto questo lo prendo io.”
Afferra il trolley con austera padronanza, mentre un suo collega prendendomi sottobraccio mi guida in direzione di una stanza di polizia aereoportuale. Penso di essere bianca in viso, sudo a freddo, uno sgomento attanaglia la mia anima, i pensieri si susseguono rapidi e convulsi, uno su tutti si erige
“e se avesse ragione Paolo?”

“Mariano: siamo entranti in riserva.” Elabora con un velo di preoccupazione l’agente Gaetano Vinciguerra.
Morganti, assistente della polizia di stato e capopattuglia svogliato risponde: “Da me cosa vuoi? Andiamo a fare benzina.”
“Dove?”
“All’IP di viale Indipendenza.” secco replica il capopattuglia
“Dici?”
Certo che dico… dove vuoi andare dal lattaio?
Questo il siparietto che si svolge all’interno della volante uno, in una calda giornata di maggio.
L’auto pattuglia arresta la sua marcia davanti alle colonnine del distributore. Gli si avvicina un uomo di mezza età, robusto e dal viso rotondo, pare mortificato e in difficoltà esplica:
– ciao ragazzi, come va? Senza attendere risposta prosegue rapido come a volersi togliersi un peso dallo stomaco. “Mi dispiace per voi, ma non posso accontentarvi, proprio questa mattina ho mandato una e mail alla questura, dove scrivo che le forniture di carburante sono sospese. Oramai è quasi un anno che non vedo un euro e non posso e soprattutto non riesco a sostenere la spesa. Mi dispiace davvero.-
I due agenti si guardano sbigottiti, ma a dire il vero neanche più di tanto.
“Era nell’aria, prima o poi doveva accadere, con tutti i tagli attuati dal governo alla spesa pubblica, il ministero degli interni di soldi ne ha sempre meno, basta vedere le divise con cui ci mandano in giro, i tessuti sempre più scadenti, al primo lavaggio se non si sta attenti, si ritirano che non vanno neanche a un bambino.” Questo è lo sconsolato commento di Morganti
-Ragazzi- suggerisce il gestore del rifornimento; -provate alla E.N.I., quella in Piazza Donizetti, può darsi loro non hanno ancora sospeso le forniture… anche se?… Conclude dubbioso il benzinaio.
“Grazie Francesco” all’unisono dicono gli agenti, salutano gentili e perplessi ripartono.
“Se non ce la danno neanche lì? Cosa facciamo? interroga Vinciguerra.
Cosa ne so io? Sosteremo da qualche parte, magari sotto una pianta, visto il caldo che fa oggi e di tanto in tanto fermeremo qualche auto, faremo un po’ di multe, o magari organizziamo una colletta per la benzina. Risponde l’assistente con un sorriso amaro, strascicando una buona bestemmia.
“Se succede qualcosa e dobbiamo fare un inseguimento, come ci comportiamo?”
“Cazzo ne so Gaetà! Rassegnati e stai zitto. Tanto per fortuna in questa città non succede mai niente e se dovesse succedere qualcosa, Dio provvederà, alla peggio faremo l’autostop e vai piano, altrimenti rimaniamo davvero a piedi.”

Un pc acceso, una pagina web aperta sulla borsa di New York, in tempo reale l’andamento dei mercati.
Scarpe sportive costosissime, jeans, camicia azzurra ,cravatta un tono più alto, giacca blu. Un viso sottile intriso da una cascata di capelli scompigliati e appena brizzolati, occhi sottili e arguti, schermati da occhiali da vista dalla montatura multicolore. Portamento elegante, telefono in mano, passeggia avanti e indietro nella penombra della stanza, fermandosi di tanto alla finestra dove si diffondono soffusi fasci di luci, ultimo eco del giorno morente, sullo sfondo immobile il lago.
Compone un numero, telefona.
“Ascolta: io inizio a essere preoccupato, i sondaggi reali ci dicono che non stiamo sfondando come si pensava, anzi abbiamo qualche punto in meno rispetto alle passate elezioni, i blog stanno perdendo introiti pubblicitari, sai che e stato necessario chiudere diverse pagine su Facebook, si è evidenziato che il troppo bombardamento di notizie fittizie iniziava ad essere dannoso. Ci vogliono nuovi escamotage.
Ti devi inventare qualcosa, dobbiamo fare qualcosa. Gli show camuffati da comizi elettorali a pagamento è vero hanno funzionato, ma non basta ci vuole di più. Datti da fare, sei pagato profumatamente per fare il capo popolo, allora non mollare, impegnati, tira fuori dal cilindro qualche idea. Sferra qualche botta a destra e a sinistra, attacca il presidente del consiglio, il presidente della repubblica e perché no? Una bella sferzata anche al nano, quella non guasta mai. In sintesi devi destabilizzare, creare confusione. I miei potenti amici si stanno innervosendo, dobbiamo minare il sistema politico europeo e italiano, dobbiamo vendere speranze e certezze tarocche spacciandole per vere. Non basta quello che stiamo facendo, Pippo non basta e tu lo sai, non devi cercare scuse. Aspetto meno importante, ma non secondario, dobbiamo tenere a freno quegli stronzetti del movimento, soprattutto i più vivaci. Parlano troppo e alcuni di loro si sono montati la testa, giocano a fare gli idealisti, si prendono sul serio, noi dobbiamo sempre essere severi, se serve anche cattivi.
Ci vogliono altri provvedimenti, magari anche qualche nuova espulsione. Devono capire che in parlamento ce l’abbiamo messi noi e loro non contano un cazzo, devono fare solo ciò gli viene detto.”
……………………………………………………………….
“Senti amico mio potresti avere anche ragione, ma qui ci vogliono i fatti, azione, solo azione, ok? Ora ti saluto, tra due giorni sarò a Genova, così parleremo a quattro occhi. Ciao Pippo.”
La conversazione è finita, l’uomo appoggia il cellulare sul prezioso tavolo in noce, apre la finestra, inala aria umida, brezza di langa. I suoi pensieri non hanno pace, galoppano, stridono, infine si rifugiano nella pragmatica sintesi:
“è dura essere sempre al top, troppo faticoso essere potenti, proprietari del destino di una buona fetta di popolazione. Tutto sommato, è giusto così. D’altronde il grande Andreotti sosteneva: -Il potere logora chi non lo ha.-”
Si accende una sigaretta; sa che non dovrebbe fumare.

Sono Claudio: spazzo, metto in ordine, per oggi è finita. La giornata come spesso accade ultimamente non è stata soddisfacente, il guadagno scarso, a pensare fino a poco tempo fa questo bar incassava bene. Mi garantiva una vita dignitosa, certo le ore di lavoro erano tante, ma quelle sono rimaste, i proventi invece diminuiti in maniera oscena. A Roma stasera piove, nel quartiere in giro poca gente, di romani soltanto l’ombra, solo pakistani, rumeni, cinesi, anche loro, adesso senza soldi, ma sempre ubriachi e spesso fastidiosi, alcuni pericolosi. Ci vuole pazienza, tanta pazienza. Sono stanco, deluso e sfiduciato. Il mutuo da pagare, inoltre con mia moglie le cose non vanno bene, siamo quasi sull’orlo della separazione. Poi le tasse veramente troppe, Equitalia mi perseguita per una tarsu non pagata nel 2010… in banca mi negano il prestito, cazzo che schifo. Non ce la faccio più.

Il mare ha la forza di un giovane di vent’anni, il mare non invecchia mai e oggi la sta dimostrando sprigionando tutta la sua essenza. Vento oltre i trenta nodi, onde alte quasi dieci metri, una tempesta perfetta. Stavamo rientrando in porto, non valeva più la pena rischiare, la giornata era stata dura e inconcludente, non avevamo pescato quasi nulla.
Dalla capitaneria di porto di Lampedusa un S O S si leva, ci chiesero di intercettare un barcone con circa quattrocento migranti, pareva essere in serie difficoltà. Il buio era divenuto soffocante. Io, Francesco Badalementi comandante dell’Ariete, un grande motopeschereccio adatto a sfidare qualsiasi avversità metereologica, insieme ai miei ragazzi navigavamo in un mare pieno d’insidie, lottavano per la nostra sopravvivenza, ma non ce la sentimmo dopo esserci consultati di rifiutare il messaggio di aiuto. Accettammo. Poco dopo a prua avvistammo la decrepita imbarcazione, un nugolo di mani si levavano al cielo disperate. Dovevamo agire, imbarcavano acqua a tutto spiano, i minuti erano contati. Ci attendeva la parte più difficile, il recupero.
Con il comandante del Ghibli, l’altro motopeschereccio intervenuto in soccorso, via radio scambiai frenetiche informazioni su come comportarsi per avere unità di intenti per rimorchiare in maniera corretta il barcone.
Eravamo a dieci miglia dalla costa e in fase di avvicinamento alla caretta marina, quando un mio marinaio spintonandomi e urlando mi fece notare degli uomini in mare, la tempesta aggrediva la nave, la pioggia cadeva incessante forando la notte, eravamo veramente in pericolo, la paura di non farcela si imprimeva forte nei nostri visi e nei nostri cuori.
Pasquale e Sante, senza alcuna titubanza, prima che io potessi riflettere sul da farsi, si tuffarono in mare; dopo vari minuti di lotta tra le acque in tormenta riuscirono a portare in salvo due persone, un bambino, sicuramente non arrivava a dieci anni, e una giovane donna, erano sfiniti stravolti, mezzi morti, ma salvi. Non ebbi il tempo neanche di ringraziare i due coraggiosi marinai, anche loro stravolti e triturati dall’enorme sforzo compiuto che un’onda mastodontica mise a dura prova la stabilità del peschereccio. Intanto il Ghibli aveva iniziato l’operazione di recupero, sudore e terrore, braccia tese, e nervi saldi, la manovra prendeva consistenza. Nonostante il vento sferzava sempre più forte, l’aggancio riuscì. Il barcone si mosse, iniziammo a trainarlo e lentamente facemmo rotta per il porto di Lampedusa che ancora sembrava apparire solo un miraggio.
Dopo alcune ore di navigazione, pregherie e bestemmie e infinita fatica, l’agognato arrivo in porto. La guardia costiera era ad attenderci insieme ai finanzieri e i carabinieri, immediati ci soccorsero. Loro non erano potuti uscire, avendo imbarcazioni non adatte a reggere l’impatto con il tumulto del mare di quel giorno. Finalmente l’attracco, dalle tante persone presenti sulla banchina, un applauso si levò fragoroso al cielo, surclassando per un attimo la folle tempesta. Mai come quella notte sentire la terra sotto i piedi fu confortante. Il vociare era frastornante, pacche sulle spalle, infiniti i complimenti. Vedo i miei ragazzi, abbracciarsi fieri, orgogliosi del gesto compiuto, qualcuno ci denomina come angeli del mare. Passai davanti a quei poveri disgraziati, forse libici, o eritrei, o senegalesi, non fu importante sapere da quale mondo arrivassero, erano solamente esseri umani. Non riconoscevo i loro volti, gelati, tumefatti, impauriti, e confusi nel pesto della notte, però distinsi chiaramente lo sgomento, tutto racchiuso nei loro grandi occhi spalancati. Noi li avevamo salvati.
Il tenente di vascello, comandante della capitaneria di porto, Maurizio Labello, mi venne incontro e stringendomi forte la mano quasi commosso disse:
– di uomini come voi ce sono pochi, non solo in Italia, ma nel mondo intero e questo mi fa sentire fiero e orgoglioso di essere italiano. Grazie di cuore.
Sono seduto davanti al camino di casa mia la fiamma brilla vivace, di là ci sono i miei figli, dormono, sono piccoli. Mia moglie è seduta accanto a me, fuori fa freddo, sono le quattro del mattino e non riesco a dormire, le sto raccontando quella giornata. “Io, un ignorante pescatore di Mazzara del Vallo, insieme ad altri colleghi ho salvato più di quattrocento vite umane, può bastare per avere un posto in paradiso? Non lo so e a essere sincero non me frega neanche nulla.” La domanda che mi brucia dentro è un’ altra: “chi avrebbe salvato i miei figli, se fossero stati in un barcone malandato e soprattutto in quelle condizioni metereologiche?”
Mia moglie mi guarda e piangendo mi abbraccia.
Va bene così.

Una finestra, una luce sommessa, ambiente artefatto e di stile. Un uomo anziano, calvo, inforca un paio di occhiali, con i gomiti appoggiati sul pregiato tavolo stile Luigi XIV e con le mani riverse sui palmi appoggia il mento. Svogliatamente legge un libro.
E’ triste e pensieroso.

Poco distante ancora una finestra, sempre un uomo, è vestito di bianco e solo, è nell’identica posizione dell’altro. Anche lui rimesta preoccupazioni, di tanto scrolla la testa. Dissente, non si cosa, non si chi.
Il Tevere scorre cheto, l’eterna città sembra riposare.

In uno sperduto paese dell’Alto Adige, Assunta ansiosa vagheggia. Origini calabresi, trasferitasi li per un amore sfumato con il passare delle stagioni.
Ora è sola, una delle tante divorziate. I tre figli, sono sposati e trasferiti in città industriali, chi in Lombardia, chi in Svizzera. Anche lei è triste, non può dormire e alle quattro del mattino non può far altro che affacciarsi al suo balcone, ascoltare il profumo di un maggio tenero a tratti delizioso. Guarda di sotto dove giace discreta la suggestiva piazzetta, da qualche giorno ci giganteggia osceno stonando un manifesto. Un viso sorridente e uno slogan:
“Per un’ Italia sempre più tedesca, il venticinque maggio vota Igor Slowenbarg.
Una lacrima inconsapevole cade sulla pianta di basilico stazionante sotto di lei. Rientra in casa; “poi non è così caldo.” Pensa sofferta. “La mia terra, sì, quella sì, era la mia patria.”

Due uomini dialogano. Il primo è abbastanza giovane, aspetto spavaldo, una dialettica niente male. L’altro meno giovane, meno sicuro e un aspetto dimesso, un semplice contadino.
Molise: terra genuina, aspra, e a volte la vita non rende quello che dovrebbe, è sinteticamente avara.
“Sentimi bene Bastiano, sturati quelle tue orecchie agresti, domenica devi andare al seggio e mi devi votare e convincere anche la tua famiglia, parenti, amici, capre, mucche, tutti. Capito! Io devo rimanere sindaco. In cambio ti garantisco di asfaltare la strada che conduce a casa tua e ti renderò edificabile pure un bel pezzo di terra, per di più sulla strada ci metterò anche i lampioni. Però mi devi trovare almeno cinquanta voti.
Me lo prometti?”
“Dottò ce lo prometto, mi darò da fare, cercherò di farla votare da più gente possibile, ma mi permetta una parola, lei nei cinque anni che ha governato non è che abbia fatto molto per il paese e a me non ha mantenuto le promesse fatte.”
“Caro Bastiano… lo sai, ho avuto una maggioranza risicata e con quei comunisti del cavolo all’opposizione non si combina mai un bel niente. Stavolta sarà diverso.”
“Vabbè dottò, mi ha convinto, su di me ci può contare, avrà i suoi voti. Vuole fare merenda? Ho una salciccia sott’olio che è uno spettacolo.”
“No, grazie Bastiano, però se ti avanza la riporto a casa molto volentieri, così la faccio assaggiare anche a mia moglie.”
“Non mi avanza dottò, comunque la vado a prendere lo stesso, glie ne porto un bel barattolo.”
Il contadino voltò le spalle e s’incammino verso la dispensa, pensando:
– chissà se mi posso fidare, cinque anni fa mi ha preso per il culo…
e per giunta io sono anche comunista. Cazzo lo voto a fare questo stronzo? Magari adesso sta dicendo la verità? Almeno la salciccia la poteva rifiutare, mica gliela volevo dare veramente, era solo per mostrarmi cortese.
Poi cosa significherà agresti? Non è che mi ha pure offeso?
Quanto sono scemo?… Assai. Solo il contadino potevo fare.-

Claudio chiude il bar, abbassa la serranda. L’aria è vispa, il fiume scorre monotono. Un sortilegio attraversa la sua mente: “peccato, i ponti siano troppo bassi, non riuscirei mai a uccidermi.” Butta le bottiglie nell’apposito contenitore, cercando di far più rumore possibile, schiuma rabbia a percussione, ce l’ha con il mondo intero. Distrattamente alza lo sguardo e nota sui muri che la città si sta riempiendo di manifesti elettorali.
Il primo sentenzia: -per un Italia più forte in Europa vota xxxxx yyyyy.- Quello a fianco conia altro: -Meno tasse meno Europa. Vota wwwww kkkkk.-
Poi, ancora altri, molteplici volti, tutti sorridenti, dall’aria bonaria, o decisa, credibili allo stesso modo, sguardi penetranti che si infiltrano nell’anima.
Claudio rimane qualche minuto ad osservarli e schifato, pensando ad alta voce ulula: “vota sto cazzo, andate tutti a fare in culo, stronzi.”
Affaticato sale sulla sua utilitaria e preoccupandosi della spia accesa dell’olio motore si avvia in direzione di casa. Mastica una scottante riflessione: “sono proprio un perdente, ci manca che fondo anche l’auto, così sono a posto e non ho neanche il coraggio di uccidermi, magari a provarci, non sono più capace di niente, un fallito totale.”
Depresso si perde nella notte romana.

All’interno della finestra la luce si spegne. Nel presidenziale appartamento il volo del vuoto, un vecchio, ciondolante attraversa il vetusto corridoio, preziosi dipinti appesi alla pareti incorniciano il suo passaggio.
Un interrogativo risuona opprimente: “Maronna, ma chi ma a fatte fa a pigliamme nadde sett’anne de sti mpicci?”

Anche all’altra finestra non brilla più nessuna luce, riflessa solo la luna sui vetri. L’uomo di bianco malinconicamente si ritira nella zona notte dell’ appartamento e nella silente confusione rimbomba una sua intensa riflessione:- Perché ci sono cascato, non dovevo accettare. Codesti non cambieranno mai, sono troppo attaccati al potere, al lusso, alle tentazioni. Questo non è il regno di Dio e figuriamoci se può essere il mio.-

La notte svanisce, inesorabile il giorno cura la sua forma. Colori dapprima tenui, poi coraggiosi invadono il cielo, il mare, le isole, i bianchi monti, le dolci colline. I preziosi monumenti brillano, le città fibrillano.
Anche oggi l’Italia si è desta.
La saracinesca stamane sembra leggera, si alza come una piuma, Claudio ha uno sguardo diverso, è più sereno, entra nel suo bar, accende la macchina del caffè, il primo della giornata è il suo. Le incombenze gravano persistenti, nessuno le ha rimosse. Lui ha trovato le parole, ha parlato con sua moglie, hanno fatto all’amore e insieme ascoltato la notte. La vita è nuda, cruda, si deve solamente trovare la voglia di viverla al meglio, cercando di renderla meno aspra possibile, scomporla e ricomporla, sviscerandola e in qualche modo aprirla fino a capirla.
Per Claudio inizia un nuovo giorno.
Altre milioni di persone si muovono, svegliandosi da sonni sofferti, incerti o profondi. Alcuni rincasano dopo aver terminato il lavoro impregnato nei faticosi turni di notte, altri da bagordi dissennati.
Esseri umani che si arrabattano, frantumando il quotidiano, soffrendolo e subendolo a volte vincendolo, concupiti nelle loro preoccupazioni e i frequenti assilli.
Ci sono i figli da educare, curare, crescere. Far tornare i conti per arrivare a fine mese. Silenti eroi, di certo non quelli visti nelle pubblicità televisive, dell’Enel o del Monte di Paschi di Siena, o altre banche sorelle con lo stesso cuore di metallo.
Donne e uomini veri, in carne ossa che non mollano.
Gli stessi che strisciano, mediano cercando di trarre profitti al limite del lecito, corrotti e corruttori. La promessa di un posto di lavoro, una raccomandazione qua una la, un esame medico fatto in tempi rapidi, un lotto di terra da rendere edificabile, parcheggiano in doppia fila, cercano di incassare o pagare in nero. Mesta sopravvivenza o misera furbizia?
Sembrerà strano, gli ultimi, sono gli stessi da quelli descritti sopra, lottano, pagano le tasse, lavorano dodici ore al giorno e in qualche modo difendono la propria la vita.
Un’Italia logora a volte estenuata, perde pezzi, ma non cede e regge l’urto. Consapevole di non essere ancora arrivata a fine corsa e che una possibilità esiste ancora.
Un’ Italia che nonostante tutto sa di potercela fare.

Sono un vecchio cronista, fumatore impenitente, confuso e petulante e se vogliamo anche un po’ubriacone.
Ho visto gioire, morire, soffrire, cantare e tanto altro ancora.
Scritto fiumi di parole raccontato la vita nelle varie movenze e i suoi tanti misfatti.
Ero li quel giorno del nove maggio del 78, col taccuino in mano e una polaroid penzolante al collo, il volto giovane, intossicato e incredulo.
Una R4, il bagagliaio aperto, dentro un cadavere, un viso rassegnato e sereno.
Aldo Moro era morto, assassinato.
Tutti dicemmo dalle brigate rosse.
Roma deambulava, sanguinando impazziva.
Un pezzo d’Italia era morta li con lui.
Ricordo diversi Presidenti della Repubblica, in uno solo riconosco il mio.
“I giovani non hanno bisogno di prediche, i giovani hanno bisogno, da parte degli anziani, di esempi di onestà, di coerenza e altruismo.”
Questo disse il trentuno dicembre del 1978 nel discorso di fine anno Sandro Pertini.
Ricordo sei papi, due ora sono Santi, uno si è dimesso, uno è morto in circostanze misteriose dopo un breve pontificato, l’ultimo si contorce in un’ardua opera, quella di tradurre un linguaggio a molti incomprensibile, la parola di Dio.
Non mi sfuggono gli innumerevoli presidenti del consiglio. Ne identifico uno su tutti; un corpo e un volto da alieno e una intelligenza sopraffina. Un signore chiamato Giulio Andreotti, nel suo armadio scheletri a iosa, segreti che ha traghettato con lui custodendoli nell’oscuro regno del silenzio eterno.
Si è spento all’imponente età di novantaquattro anni. (oggi che sto scrivendo è un anno esatto, [6 maggio2014])
Scrissi diversi articoli sull’antilope Kobbler, vi dice nulla lo scandalo Lockneed? Trattava di aerei americani venduti alla nostra nazione a prezzi altissimi, del tutto fuori mercato. Il mistero su questo caso regna ancora fitto, nessuno sa chi fu il politico coinvolto, di certo l’allora Presidente della repubblica, Giovanni Leone, fu implicato e per questo motivo si dovette dimettere dall’alta carica istituzionale, risultò non essere lui il colpevole, ma per arrivare a ciò ci sono voluti circa vent’anni, così da essere riabilitato e scagionato dalle infamanti accuse di corruzione.
Un po’troppo tardi. Non pensate?
Ero redattore al Corriere quando al governo imperversavano i socialisti, ma non quelli veri, come i Giolitti,i Nenni, i Pertini, tanto per citarne alcuni: ma delle pacchiane controfigure, Intini, Craxi, De Michelis, Martelli etc, etc. Una banda di allegri bricconi, con enfasi smisurata riuscirono a farci credere che l’Italia era divenuta il paese delle meraviglie, nel frattempo che noi sudditi spensierati gozzovigliavamo loro razziavano di tutto e di più.
Nei primi anni novanta a fermare i garofani rossi, la balena bianca e non solo loro, arrivò il ciclone denominato mani pulite con i suoi implacabili eroi, Di Pietro, Colombo, D’Ambrosio, la Boccassini; Borrelli e altri paladini di giustizia, giudici di colpo scompagnati, dissolti nelle loro manie di crudele realtà.
Ci eravamo illusi di aver sconfitto la corruzione, il mal governo; invece il peggio doveva ancora arrivare.
Vent’anni di berlusconismo.
Le piazze piene di folla e le tante bandiere rosse sono rimaste soltanto un grande sogno. Defunto, spento, insieme all’uomo onesto e di valore di nome Enrico.
Mi esaltai nell’ottantadue in Spagna quando Zoff neutralizzò un poderoso colpo di testa di Falcao e un giovanotto dal fisico estremamente minuto, un tal Pablito Rossi, segnò tre gol. Italia brasile 3 a 2. Dopo aver sbrigato in semifinale la pratica Polonia, l’attesa finale con gli antagonisti di sempre, i famigerati crucchi. Come dimenticare l’urlo di liberazione di Tardelli dopo il secondo gol azzurro? Indelebile al termine della partita il telecronista Nando Martellini come un invasato urlava dal video: “Campioni del Mondo, Campioni del Mondo, Campioni del Mondo.”
Ricordo davvero tante storie, vere nefandezze, ma anche cose piacevoli.
Le tante notti insonni, le milioni di sigarette fumate e quando esausto crollavo sulla macchina da scrivere, un oggetto a me caro ora relegato agli archivi delle memorie.
Basta smetto di cianciare, rimembrare, Madonna quanto è antico questo termine, d’altronde lo è come lo sono io.
Ora vado da Fabrizio, il mio nipotino.
Ha un anno e mezzo, è bellissimo, vispo e felice ha tutte le ragioni per esserlo, è ancora puro e inconsapevole.
Non è sangue del mio sangue, carne della mia carne, ma questo è solo un dettaglio, lo adoro.
Vorrei ci fosse anche mio figlio, ma lui non è voluto o forse potuto venire. Vabbè fa niente, ovviamente non è vero, fa e come se fa, pazienza.
A loro vorrei spiegare molte cose, una su tutte, la dignità. Ragazzi la dignità è un concentrato di significati profondi, li si racchiude il vero valore di un uomo. Un bene prezioso, non barattatela per nulla al mondo, non vendetela per pochi spicci, un voto di favore e altre porcherie varie, non consentite a NESSUNO E DICO NESSUNO di farvela prendere, lottate per questo. La DIGNITA’ NON HA PREZZO.
Per ottenere tale obiettivo si deve percorrere la strada della onestà, della coerenza a volte remare controcorrente, questo significa sudore e devastante fatica e spesso può accadere di ritrovarsi con le ossa rotte, ma fa nulla.
Ciò consentirà di andare sempre con la testa alta e la coscienza pulita.
Non so se la mia lo è, comunque l’ho lavata diverse volte.
Non voglio erogare nessun sermone o tanto meno dare lezioni di moralità, non sono l’individuo adatto, voglio augurarmi che le nuove generazioni siano migliori di quelle passate e che tutti gli esseri umani, possano pensare un po’ meno a se stessi e di più al prossimo e vi assicuro non è assolutamente nocivo, anzi potrebbe anche fare bene.
Una notte d’estate del 2006, ancora una partita di calcio, ancora una finale mondiale. Italia Francia: rigori, un semi sconosciuto, un ragazzo, Fabio Grosso, tocca a lui… rincorsa… tiro… rete.
Il cielo è azzurro sopra a Berlino.
Questo fu l’urlò strappato quella notte dal telecronista Marco Civoli.
Io spero, non lo sia sopra solo a Berlino, ma su ognuno di noi.
Il cielo è azzurro.
Forza ragazzi, ce la possiamo ancora fare.
Come cantava il fantastico Giorgio Gaber
per Fortuna o purtroppo sono italiano
aggiungo, un essere umano che polvere era e polvere diverrà.

A Fabrizio e Bernardo
E a tutti quelli che non si arrendono, a chi vuole davvero migliorare, chi in qualche modo non si fa stereotipare e ogni tanto rompe gli schemi uscendone fuori.
Un grande in bocca al lupo a tutte le generazioni, in special modo a quelle future, ma il mio augurio non è riservato proprio a tutti… qualcuno non lo merita davvero.

“NON SEMPRE SONO D’ ACCORDO SU QUELLO CHE PENSO”.atto unico di e con ……………………..


“Impara l’arte e mettila da parte.” Recita così un antico proverbio. Io quale arte devo mettere da parte? Non sono di nessuna parte, né a destra né a sinistra, forse prima ero da qualche parte. Ora né bianco né nero, né fucsia né violetto, né toro né vergine. Sono astemio. Libero da usuali schemi e magari fosse così, invece sono stroncato in una figura che non è mia, non mi appartiene, tutte mostrine e paillettes. Vorrei essere vagamente somigliante alla mia idea di vita. Almeno provarci. Blasfemo per scelta, cristiano a intermittenza, buddista solo rare volte. Vado condito con poco olio, perché sono grasso di mio. Senza sale, ho la pressione alta. Sono vecchio o almeno a tratti mi ci sento. Perché ho scritto questa miriade di castronerie? Soprattutto non capisco perché imperterrito continuo a farlo?
Non lo so. Forse per puro egocentrismo? Non lo so.
Amo il mare, baciare, lettera, testamento.
Odio chi frigge il pesce con l’olio bruciato. Chi ha ucciso Falcone e Borsellino, la mafia tutta. Mi piacciono quelli che cantano sotto la doccia, chi non ha l’ombrello quando piove e poi si asciuga i cappelli scompigliandoli all’aria come fanno i cani che i capelli non li hanno.
Questo sono io.
Non amo chi fa la pipi fuori dal water, chi ha votato D’alema e doppia V Veltroni. Non parlo di Berlusconi. Chi ha amato bondi, la russa, brunetta, calderoli, e perché fare torto a borghezio. (penso nessuno, forse neanche la loro madre) Amo, o forse sono indifferente, a chi conosce Diliberto, chi si ricorda di Bertinotti, di Gimondi, di Coppi. Chi pensa che Milan kundera sia finita due a uno per il Milan. A chi è convinto che Primo Carnera è solamente un taglio di carne.
Non nomino il numero tre per paura di pagare troppe tasse, perché tale numero potrebbe essere associato a Monti.
Mi sono simpatici quelli cui pensano che la Fornero da giovane faceva la cubista e ogni tanto per allentare la pressione e non solo quella fiscale la faccia ancora. (Non andrò più in discoteca)
Detesto chi rompe i coglioni, tirando fuori Dalla ( Lucio) dicendo che era gay, ma non conclamato. Sì, proprio cosi, su certa stampa ho avuto il dispiacere di leggere questa immane scempiaggine; ripeto conclamato. Notate bene, solitamente questo termine si usa per parlare di malattie ancora definite vergognosamente vergognose, ad esempio come l’aids. Appunto, Dalla (Lucio) ha avuto un funerale cattolico e giù macerie di polemiche, milioni di parole a uso e consumo del più inutile nulla. Che senso hanno avuto? Uno solo quello di vendere chiacchere a buon mercato. Anche Bruno ha avuto un rito cattolico ed era esplicitamente gay. Usciva facendosi vedere tranquillamente in giro con il suo ragazzo. Ci andava a fare spesa al Market sotto casa, venivano al bar di quartiere insieme e ci litigava spesso non risparmiandogli assurde scenate di gelosia davanti agli occhi di tutti. Era pacchianamente noto, tutto alla luce del sole. Bruno era gay, ma dalla sua bocca non è mai uscita la frase “io sono gay,” proprio come Dalla, (Lucio) di conseguenza non era conclamato; però Bruno non era nessuno, era solo un operaio e del suo funerale cattolico non è fregato un cazzo a nessuno.
Alcuni (molti) si sono limitati a commentare in tal modo: “E’ morto Bruno! Bruno chi? Quello di Porta Marroncina? Sì, quello! Ah lù froce, (dialetto) a penzà non era manche vicchie.” (sempre dialetto)
Ciao Bruno, non mi eri granché simpatico, ma non perché eri gay, solo saccente e un tantino logorroico, però una volta mi hai prestato le statuine del presepe a cui tenevi molto, per questo motivo un velo di pensiero da parte mia per te ci sarà sempre.
Tutto questo per dire?… Assolutamente nulla.
Ah dimenticavo, sono in carcere, sono in una cella tre per due, insieme a un paio di disperati. Sicuramente stanno peggio di me.
Il primo: un tunisino che ci prova in continuazione. Disegna margherite, le colora come un bambino dell’asilo le ritaglia con i denti, poi me le regala scrivendoci Mon Cheri, ma va a cagare mica sono Amanda Lear? ( Chi se la ricorda?) L’altro è un foggiano, ignorante come il buio in una notte di tempesta durante un black out totale. Sfinito, annoiato e innervosito, per passare il tempo scrivo. Perché sono in carcere? Non lo so neanche io.
Sono innocente.
Ho ammirato il sole sorgere. (centinaia di volte) L’ho visto soccombere. (migliaia di volte)
Ho visto mio Figlio nascere, mio Padre morire, mia Madre sorridere.
Non ho mai leccato il culo a nessuno. Vagamente so chi sia Alexander Solgenitsin, non amo Pirandello, forse perché non l’ho mai letto.
Getto nel fuoco De Mita mi stava sui coglioni. (pure adesso)
Apro vie annaspando su brulle rocce spesso innevate di cui non conosco il nome, poi gli danno il mio.
Amo osservare i bambini e parlare con loro, sorridergli, e non sono un pedofilo.
Ho avuto mille donne, ne ho amato una sola. Ho amato mille donne, ne ho avuto una sola.
Mi commuovo sino alle lacrime davanti ad una fantastica raccolta di mele in Val di Non, e non me ne frega un cazzo di un terremoto devastante in Cina che miete un milione di vittime. (tanto sono Tanti)
Amo la formula uno solo quando ci sono gli incidenti.
Non mi piace il calcio. L’unico calcio che mi è piaciuto è quello che ho dato a Sabrina, una stronza demente che non me la voleva dare, dopo che aveva visto le dimensioni. Grandiiii? No piccole. (era appena stata con Rocco)
Sono paranoico, ipertrofico, ipersensibile, iperbarico. Sono Mazinga.(Non gettate i componenti non ho bisogno. Faccio da solo.)
Ricordo Tarzan, una domenica pomeriggio del 72 o del 74, la memoria inizia a tradirmi, scusatemi. Dicevo; lo guardavo in TV insieme a mio padre, in quel mentre si scatenò l’apocalisse, la casa, i mobili vibrarono, le luci si spensero; Tarzan cadde dalla liana. Cazzo il terremoto. Volevo scappare, mia sorella usci dalla stanza urlando, era così cinerea, sembrava uscita in quel momento dal Louvre dopo aver avuto un incontro ravvicinato con Belfagor. Mio padre tranquillo le chiese: “perché urli?”
“Babbo, Babbo, il terremoto!” Non smuovendo ciglio come suo solito rispose: “ma quale terremoto; è solo Cita che ha fatto una scoreggia. E mia sorella rassegnata se torno nella sua stanza confinata tra ventiquattromilabaci e una rotonda sul mare.
Tutto questo per dire che la vita va presa per quello che è e soprattutto per quello che non è. Non è tutto oro quello che luccica. Dai i diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori, così suggeriva l’illuminato Faber. (più o meno)
A ognuno il suo.
Baci, abbracci, caramelle, arance, tric trac, bucce di limone, pop corn, zucchero filato e inceneritori.
Naturalmente non dimenticate activia quello della Gepi ( avete visto come è dimagrita?) anche se penso che dopo questo post non ce ne sarà bisogno, fa cagare di suo.
Addio. O meglio arrivederci. (spero)
Questo anche per dire che la scrittura va presa seriamente, sì, ma sempre con le dovute controindicazioni e soprattutto con tanta, tanta leggerezza. (e chi vuole intendere, intenda) (e chi vo Die che su le prega.) [Dialetto]
Chiudo con un importante e considerevole citazione del noto filosofo italo croato Peligno Marigno, detto Peli: ” E quando l’ Amore c’è… l’ amma tira lu pè… lu pé tira l’amma, l’amma, l’ amma, l’amma… e quando l’Amore C’E… na na na ra na na na ra na na na ra na na na ra na……. L’ importante è che C’E’ e che sempre ci sarà.

A Francesco.

Ho trovato questo post sommerso tra le macerie delle bozze, neanche lo ricordavo. Penso di averlo scritto circa un anno fa. Comunque subito dopo la morte del grande e indimenticato Lucio Dalla. Sono appunti ironici, forse possono apparire anche un po’idioti, sicuramente demenziali, ma non li voglio svilire più di tanto e sinceramente lo consiglio anche a voi, e non è una minaccia. Perché comunque è vero che non sono sempre d’accordo su quello che penso e soprattutto scrivo, ma qualche volta sì.
Buona vita a voi tutti
con affetto
Nazzareno.

Perché.

imagesCAN66UYX
Perchè il mare è la mia casa
dove orizzonte riposa
la terra l’amore
l’uomo il suo cammino, il suo cuore, il ristoro
il Dio signore del creato, il povero, il misericordioso
la strada, c’è sempre la vita
ho peccato chiedo perdono avevo fame e sete
mi sono sfamato e dissetato per sfamare e dissetare
Zena mia, incroci di destini, poeti e puttane
fumosi mattini e incerti tramonti,
la croce, il bene e il male
sottile differenza
un uomo, una fede una storia
la verità, dovuta carità
lo sguardo fiero, orgoglio e paura, non è importante
ancora strada, ancora vita
dissacranti verbi dardi infuocati
arrendersi mai
diritti e andare avanti
Perché la storia siamo noi
solo noi.

A DON ANDREA GALLO

PERCHE’CI DOVEVA ESSERE QUI
PERCHE’ E’ IL MIO DIARIO
PERCHE’ERA E RIMARRA’ UN GRANDE
http://www.libreriauniversitaria.it/unica-chiave-bachetti-nazzareno-librati/libro/9788866450115
http://www.ibs.it/code/9788866450115/bachetti-nazzareno/unica-chiave.html

Non volevo sporcarmi le mani. Secondo ed ultimo episodio -Andremo a pescare-

354813554Già le quindici dal cellulare nessun segnale tranne qualche banale telefonata di lavoro, quella che aspetto non arriva. Il mio iniziale nervosismo è scomparso sembra svanito nel nulla. Poche le persone al terminal, volti informi per lo più verbi stranieri, gente dell’est. La voce monocorde dell’altoparlante annuncia i ritardi di partenze e arrivi. Piove a dirotto. Non conosco ancora la mia destinazione, per certo tra poco partirò, sono tranquillo. Non ho più la fobia dell’aereo, da giovane i primi viaggi li affrontavo con disinvoltura, volare era come bere un bicchier d’acqua. In un passato recente improvvisa sciolse una fottuta paura. L’ho superata con difficoltà, il tempo e il lavoro svolto su me stesso lentamente hanno reso i suoi frutti e aiutato anche dalle mie rudimentali pratiche buddiste ho assimilato un concetto elementare: “Su questa terra siamo solo di passaggio, prima o poi tutti dobbiamo morire. Il destino di un uomo dicono sia già segnato alla sua nascita, quando deve succedere, succeda. Colpi di cannone e tutti al funerale, al mio ci sarò. Viva la vita.
Consapevole che questi sciocchi pensieri sono utili solo a tenere a bada la repressa inquietudine fermenta e non riesce a darsi pace scalciando come un mulo. Vorrebbe farmi a pezzi e rendermi inerme, non glielo posso concedere, non me lo posso permettere. In quest’altalena di stati d’animo la agognata telefonata continua a farsi attendere. Perdo il mio tempo a contemplare lo stanco viavai, quando il suono giusto esplode, rispondo; una nenia dipana un messaggio registrato impartisce indicazioni: “Nella tua auto troverai una valigetta, c’è tutto quello di cui hai bisogno.”
Sfido la pioggia dirigendomi al parcheggio; tutto secondo copione, torno indietro meccanicamente entro nei bagni dell’aeroporto, rapido cambio d’abito e operazioni di restyling, guardandomi allo specchio penso: “Sì,va bene sono ok.”
Deambulo nel terminal, ancora non conosco gli incroci del mio destino quando all’improvviso sento urtarmi, un uomo giovane, rapido infila una busta nella tasca della mia giacca, nel vortice di un attimo svanito. Apro il plico, un biglietto di andata e ritorno, Orio Al Serio, Bergamo, in un foglio due misere righe, il volo è previsto per le ore diciassette e trenta – scontata la conclusione – seguiranno altre istruzioni.
Ancora un’ora, sessanta interminabili minuti. Le mie anime emergono si scrutano, si scontrano, fanno a pugni.
Vivo e non vivo, ascolto il respiro del cuore. Piove interminatamente.
Business class; decollo perfetto, l’aereo prende quota perfora le nuvole spingendosi oltre l’invisibile, al di sopra della pioggia.
L’hostess gradevolmente mi chiede in cosa può essere utile, stordito da un profumo di rose, è suo, intrigante il sorriso. Non dovrei bere ma chi se ne frega, prendo un wishiky e lo gusto a piccoli sorsi. Sibillini inaspriscono ancora isolati pensieri.
Quella stronza della mia ex moglie: Un matrimonio fallimentare il nostro. Quante scuse, quante balle ho dovuto inventare. Certo non facevo nulla di male, non l’ho mai tradita, la amavo. Credo di non essere mai stato lucido con lei, pericolosa mistificatrice di sentimenti. Finalmente la separazione, una guerra senza vincitori solo perdenti, un’unica vera vittima; Filippo. Le intemperanze degli adulti ricadono sui figli indifesi e naturalmente incolpevoli.
Alleggerisco il noioso peregrinare cerebrale, sobbalzano fantasie a luci rosse, immagino di fare l’amore con l’hostess, molteplici le posizioni, piacevolmente erotiche, sesso senza limiti, nessun pudore… fantastiche. Rinsavisco dalle lussuriose divagazioni rendendomi conto che l’atterraggio è prossimo.
Mentre sto per scendere, le tre assistenti di volo salutano sorridenti, il più bello è della mia preferita, la guardo ricambio al meglio delle mie possibilità e per non farmi mancare nulla, come se avessi già pochi guai le infilo nel taschino della divisa gonfio di soffice prosperosità il mio numero di telefono, sorridendo ancora le bisbiglio:
-Potrei innamorami di te.-
Indecifrabile continua a mostrarmi il bianco dei suoi denti fulgidi come neve al sole.
“Non credo lo farà, non avrà neanche trent’anni, inequivocabili i miei cinquanta, visibili nelle rughe riflesse nell’azzurro dei suoi occhi; avrà di meglio che perdere tempo con me.” Il comandante ossequioso mi stringe la mano. In un baleno sono fuori dal piccolo aeroporto, un taxi aspetta il 9717, il mio. Ci salgo. Appena a bordo il tassista in un italo bergamasco mi rivolge la parola:
-Buona sera, chi ha prenotato la corsa mi ha detto di consegnarle una busta… eccola.-
– La apro, “Hotel Boston, Monza.” La ripongo e indico la destinazione al conducente.
Nella hall mostro i documenti al portiere, mi sento rispondere di avere una stanza prenotata a mio nome la 117. In camera, appoggiato sul letto un vistoso pacco, lo svelo, dentro trovo una cassaforte. Il cellulare annuncia un sms, un numero penso sia la combinazione, è cosi. C’è tutto, quello che doveva esserci. Altra lettera, nuove istruzioni, un vero stillicidio. ” Ristorante L’Angelo, cento metri a destra dell’hotel. Appuntamento fissato alle ore 21, tavolo 17. Lui sarà in compagnia di una donna.” Continuo a leggere, è tutto chiaro, la brucio in bagno insieme all’altra ricevuta in precedenza. Guardo ancora la foto, inserisco un cd nello stereo, Mozart… meraviglioso. Ho ancora tempo l’impegno con delle flessioni, devo rimanere tonico.
Ci siamo pochi minuti alle 21, indosso la divisa da cameriere mi perquisisco per vedere se ho preso tutto… si; vado il lavoro mi aspetta. La pioggia si è trasformata in liquida umidità. Entro dal retro direttamente in cucina, una cuoca mi porge un vassoio, gamberi al sugo, rossi come il sangue, senza esitare lo afferro, in sala tutti i tavoli sono occupati, maledico. Rapida occhiata, individuo la coppia, lui piccolo, un bauletto inforca degli occhiali rotondi su un muso bavoso, lei avvenente evidentemente siliconata, punto deciso sull’obiettivo:
-Buona sera, i gamberi sono per voi?-
Indispettito l’ometto risponde in un’arroganza esagerata:
-No, si sbaglia noi dobbiamo ancora ordinare.-
Nel tentativo di scusarmi goffamente gli rovescio tutto il pescato addosso. Aggredito dalla sua faccia adirata e le pupille dilatate pronte a sbranarmi vedo la linda camicia mutare colore mi avvicino cerco di rendermi utile, pulirlo… rosso su rosso, i lineamenti stupiti mettono a tacere la spavalda arroganza e si accascia centrando il tavolo colpendolo con il viso da suino tra lo sbigottimento generale e lo sguardo attonito dell’accompagnatrice. Solo un sottile nascosto sibilo aveva stonato nella chiassosa sinfonia di voci e stoviglie in frantumi. Un preciso colpo dritto al cuore di quelli che lasciano una sola via d’uscita, la morte. Di me più nessuna traccia. Nel vento cavalco una potente moto, schizzando via il più in fretta possibile dall’ignomia e dal centro di Monza. Sfioro il fulcro urbano di Desio, sarà una semplice combinazione neanche a farlo di proposito Romina abita qui. La nostra è una storia a distanza e con qualche problema, però ci vediamo quasi tutti i fine settimana va bene così. Potrei farle una sorpresa, rimanere a dormire con lei ne sarebbe felice… meglio lasciar perdere, adesso ho altro cui pensare. Dopo pochi chilometri sono nel luogo prefissato, un’autodemolizione e il cancello laterale è aperto lo oltrepasso, mi libero della parrucca, baffi posticci e il caucciù servito a modificare le mie sembianze. All’interno di un’utilitaria trovo il nuovo abbigliamento, butto quello finora indossato, pistola compresa nel bagagliaio di una carcassa metallica destinata a essere pressata l’indomani.
Alla guida di una potente auto sono di nuovo in strada direzione aeroporto, alle undici prenderò il volo per Falconara. Riaccendo il telefono, alcuni sms compaiono do una rapida occhiata, a parte un paio di Romina il resto nulla di particolare. Una telefonata, un numero che non conosco. Una delizia di voce respira:
– Pronto, ciao sono Sara… l’hostess.- Sospeso e sorpreso penso “cazzo… mi ha telefonato davvero.” Egocentricamente soddisfatto, replico:
-Ciao, che piacere… ero sicuro non avessi chiamato, anzi mi scuso per la sfrontatezza usata oggi, di solito non sono così intraprendente:-
-No, cosa dici sei stato gentile e molto simpatico, senti io alloggio a Milano, tu dove sei?-
L’unica risposta inesatta può essere
-Si, anch’io sono a Milano- e questa le do.
A Sara sembra quella giusta, appagata, riprende:
-Perfetto se hai voglia e non hai altri impegni potremmo andare a bere qualcosa cosa ne pensi?-
Centomila idee fermentano nel cervello, rubo qualche attimo, mi esprimo:
-Penso sia un’ottima idea però al momento sono a cena con dei clienti se riesco a liberarmi presto, ti chiamo e ti raggiungo, va bene? (stavo già scappando?)-
– Sì, certo, sbrigati ti aspetto, ciao.-
-Ciao.-
Non faccio in tempo a chiudere la chiamata sotto ne erutta un’altra, è di Romina, il display schiuma rabbia, mi faccio coraggio e rispondo:
-Ciao amore.-
-Amore un cazzo… dove sei stato, quale dannata fine hai fatto? Da stamattina non ti sento, non rispondi ai messaggi, sei il solito pagliaccio.-
Inscenai un teatrino di cazzate da paura, finale scontato, litigata furibonda, pazienza comunque anche questa pratica per stasera è archiviata, domani è un altro giorno.
Adesso devo decidere se prendere l’aereo oppure passare la serata e forse anche la notte con quella bella figa di Sara?
Sono sull’aereo, anche questa hostess è carina, non le dico nulla, neanche un sorriso. Sono preda di una morbosa angoscia come un laccio mi stringe la gola fino soffocarmi. Chi sono? Quanti volti, quanti nomi ho? Uno dieci centomila? Non lo saprò mai.
Un lampo sul iphone segnala l’arrivo di una mail, la leggo:
ROMA 12 MARZO 2013
MISSIONE TERMINATA’ ESITO POSITIVO.
NESSUN ALTRO SUO IMPEGNO E’DOVUTO FINO A NUOVO ORDINE.
COMPLIMENTANDOMI PER LA SUA INDISCUSSA PROFESSIONALITA’
LA SALUTO
CAPO SEZIONE N.O.S.C.*
Xxxxxx Xxxxxxxxx

QUESTA MAIL SI AUTODISTRUGGERA’ TRA DIECI SECONDI
9- 8- 7-…….

Lui si complimenta… ma va a farti fottere coglione.
Una vita a mentire a non dire, nessuno conosce la mia oscena identità, nessuno sa veramente chi sono, un diabolico segreto che porterò nella tomba. Pensare iniziò tutto per gioco, durante la leva militare, feci dei test senza sapere il perché, probabilmente per mettermi alla prova oppure perseverava l’idea di non volermi sporcare le mani, beffardamente sorrido, le mani forse no ma la mia anima è completamente sudicia nera come la pece. Seguirono altri esami, centinaia di prove, fui il migliore.
Trasformato in un’ombra al servizio dello stato, quello sotterraneo degli affari loschi, delle leggi non scritte; levare e mettere prendere e non dare, nessun compromesso, invisibili incastri. Vincere partite tacere, non gioire, non respirare, nessuna gratifica, niente. Tutto questo per degli ideali in cui non ho mai creduto, per vile e sporco denaro e per uno sciocco spirito di avventura, prevaricare sempre il limite. Cinque lunghi anni e finalmente andrò in pensione, l’incubo forse avrà fine, non
m’illudo. Di certo domani tornerò a essere il buon Raffaele, mite agente di commercio. Sabato ci sarà anche Romina, andremo a pescare.
Fine
* nucleo operativo sotto copertura

Non volevo sporcarmi le mani – primo episodio- riflessioni

imagesSui tavoli immersi in bicchieri delusi, si pavoneggiano inutilmente spenti tovaglioli sfoggiati a ventaglio. Tutto è desolatamente opaco, sono l’unico cliente di un anonimo ristorante nei pressi di Iesi, in un’uggiosa giornata lavorativa di mezza settimana. Mi tornano in mente le pause pranzo condite dal vociare rumoroso e volte allegro degli operai, si miscelava con l’atteggiamento distaccato dei rappresentanti di commercio, assorti nelle notizie dei loro giornali (faccio parte di questa categoria) e nei pomposi discorsi di vanitosi dirigenti d’azienda, contornati da collaboratori abulici e consenzienti. Ciò sembra sia finito, dissolto, tutti svaniti, divorati dalla feroce tigre, la crisi economica, secondo molti la più grave dalla guerra. Poggiati sul tavolo l’immancabile tablet e oggi il libro di Grammelini, ancora alcune pagine e lo concludo. Una buona lettura, toccante, una stoccata al cuore. E’autobiografico, tratta la storia di un figlio cui per lunghi anni è sottratta la verità sulla morte della madre, accaduta quando lui aveva solo nove anni. “Fa Bei Sogni” sviscera le paure, il coraggio nell’affrontare la vita, il perenne conflitto con l’atavico mostro nascosto nel profondo di tutti non da tregua estenuando la nostra esistenza fino a straziarla. Solo quando l’avremo sconfitto faremo pace con noi stessi e le nostre realtà diverranno sicuramente più vivibili. Se non l’avete letto, ve lo consiglio.
Come un uccello il pensiero migra su mio figlio, un buco nero, soprassiedo. Non evoca situazioni piacevoli, un gravoso cruccio, è la massa critica del mostro rifugiato in me, con il quale non ho ancora conseguito nessun armistizio.
Matura prepotente quello del mio babbo, defunto da troppi anni, è vero gli è successo in età avanzata, colpa mia, sono nato troppo tardi, quando lui aveva già cinquantadue anni. Una brava persona mio padre, gran lavoratore, onesto, discreto e silenzioso come il volteggiare di una farfalla. In un giorno di marzo se né andato senza recare disturbo a nessuno. Lasciandomi nell’essenziale un vuoto crescente. Non sono riuscito a godermelo come avrei voluto e forse anche meritato.
Infrange i miei pensieri una donna alta, bionda, senza dubbio bella, probabilmente è la titolare. In un accento vagamente straniero, con un sorriso coinciso e di circostanza mi saluta proponendomi i piatti del giorno; declino la proposta optando per un fuori menù; un filetto al pepe verde e patate al forno. Accendo il tablet controllo se ci sono nuove e-mail, ne trovo una di poco conto, è di quell’infame di Passecchia, uno senza coglioni, è il responsabile vendite dell’azienda in cui lavoro, la ignoro è sicuramente una sciocchezza. Inizio a leggere il libro, la televisione accesa mi distrae, vedo inquadrato un viso, vistose rughe lo solcano mettono in risalto la stanchezza, la sofferenza di un uomo; Josef Ratzinger il Papa dimissionario. Un gesto apparentemente coraggioso il suo con il quale ha voluto bloccare il diffuso malessere presente nella chiesa. Evidentemente la bolla stava scoppiando, pungolata dalle troppe lotte di potere, coinvolta anche una lobby di cardinali gay, si parla persino di riciclaggio milioni di euro fluirebbero incontrollati nelle casse dello Ior, l’opulenta banca vaticana. Il mio dubbio è, Ratzinger si è dimesso per sua volontà oppure è stato costretto essendo custode di scabrosi segreti così esponendosi suo malgrado a feroci ricatti?
L’interrogativo è solo questo. Se fosse valida la prima ipotesi a lui andrebbe tutta la mia stima, se invece prevalesse la seconda non muterebbe il mio pensiero sulla sua persona. Una figura discutibile, finto riformatore come le sue formali e inutili scuse al mondo per la pedofilia nella chiesa. Da premettere sono laico, la mia fragile fede la riserbo esclusivamente per il mio intimo, di conseguenza tutto ciò ha solo una rilevanza storica.
Sono fermamente convinto, nessuno rivelerà gli scomodi segreti, almeno nell’immediato futuro.
Sul piccolo schermo le notizie si susseguono negando spazio alla mia lettura, le continuo a guardare. La politica, in onda il tormentone sulle elezioni. Si doveva capire chi avrebbe governato, invece né scaturito uno scenario kafkiano di totale confusione. Le ha “vinte”, se così si può dire la coalizione di centro sinistra, purtroppo per il paese non c’è la necessaria maggioranza al senato, alla camera invece sì, questo significa ingovernabilità. Il leader è il floscio Bersani l’uomo dei giaguari, delle bambole non pettinate, favorito al giovane e rampante, Matteo Renzi, attuale sindaco di Firenze. A detta di molti se ci fosse stato quest’ultimo l’alleanza di centro sinistra avrebbe stravinto. Il tempo dei se è finito, riservato solo ai perdenti e gli inconcludenti. Ora il “buon” Bersani ha l’incombenza di formare un governo; mission impossible. Monti, presidente del consiglio uscente non ha sfondato, anzi ha totalmente fallito, gli italiani hanno bocciato la politica di lacrime e sangue attuata dal suo governo tecnico. Il caimano sembrava spacciato invece con una campagna elettorale alla sua maniera è riuscito in una rimonta sorprendente, non è bastata per vincere. Il nano ha sette vite come i gatti, spara cazzate a raffica e milioni di elettori ancora gli credono. Beati loro. La vera novità di questa tornata elettorale è Beppe Grillo, il comico genovese e il suo movimento a Cinque Stelle con le sue arringhe scoppiettanti ha conquistato le masse, vulcanico e strafotente nell’argomentare, cavalcando l’insoddisfazione e la rassegnazione di un popolo oramai stremato ha guadagnato giorno dopo giorno consensi, riempito le piazze, fino ad avere un successo elettorale di enormi proporzioni. Il suo motto, “fuori tutti” riferito ai vecchi mestieranti della politica ha funzionato portando i Cinque Stelle oltre il venticinque per cento dei consensi. A me Grillo non piace, penso dietro ai suoi discorsi rivoluzionari e populisti si nasconda qualcosa di losco. Spero di sbagliarmi. Rimango preoccupato perché nessuno di questi signori discute seriamente sul problema lavoro. Giocano, litigano, s’increspano sulle riforme, assolutamente necessarie, altresì s’infervorano come abbassare i costi della politica, sacrosanto anche questo. Nessuno però affronta in maniera decisa come arginare la fuga delle industrie verso siti più convenienti e il preoccupante agonizzare della piccola e media impresa. In pochi concetti, garantire il diritto primario per la sopravvivenza di ogni cittadino. Non dimentichiamoci un punto fondamentale della democrazia, l’articolo uno della nostra costituzione; “L’Italia è una Repubblica fondata sul LAVORO.
Mentre cerebralmente gioco a scacchi divagando tra nugoli di pensieri, mi viene servito il pranzo. Inizio a mangiare continuando nel viaggio introspettivo. Ricordo quando giovanissimo, decisi di smettere con la scuola, ero indolente, non avevo nessuna voglia di studiare avevo solo sedici anni. I miei anche se con sommo dispiacere rispettarono la decisione. Mia madre si limitò nel dirmi: Non hai voluto studiare, va bene, certo mi dispiace, soprattutto per te, a me sarebbe piaciuto se avessi preso un”pezzo di carta” il diploma, lei lo definiva così, è andata, pazienza. Adesso non hai altra possibilità devi andare a lavorare; hai due opportunità; la prima un posto da idraulico, la seconda il cameriere, scegli tu, io sarei per la prima. La guardai e con piglio deciso con sua buona pace, scelsi la seconda. Non avevo ben definito cosa volessi fare da grande, sapevo quello che non volevo fare, sicuro non intendevo sporcarmi le mani.
A distanza di anni posso affermare è uno dei miei pochi obiettivi centrati.
Il giorno dopo ero all’Osteria Dei Poeti, più noto come “Da Pierì.”
Pierino il titolare era in cucina, Gina sua moglie parlandogli a bassa voce e con riserbo gli disse: “Questo è il nuovo cameriere.” Lui non mi degnò neanche uno sguardo, sconvolto tra le braci dei suoi arrosti si limitò solo a un lieve movimento del capo. Quattordici ore al giorno, cento coperti a pranzo, operai e rappresentanti, altrettanti coperti a cena, quasi tutti militari. Tutto questo lo dividevo con Mimmo il mio collega; un bravo ragazzo, non l’ho più visto.
Li iniziai a districarmi tra i meccanismi basilari e le necessarie controindicazioni per campare. Ho dovuto fronteggiare situazioni assurde, ho avuto a che fare con personaggi di tutti i tipi, fatto conoscenze importanti, una su tutte quella che ha modificato il mio futuro. Li ho conosciuto Doriana, con lei ho scoperto il sesso, l’estasi della prima volta. Le prime sigarette, le prime sbornie, le tante litigate con Pierì, dai miei occhi ancora bambini spesso scorrevano lacrime a fiumi. Per fortuna c’era Gina, dolce e affettuosa, aveva sempre la parola giusta, sapere lei ci fosse, per me era di grande conforto. Pierì non era un cattivo uomo, tutt’altro, ma aveva un carattere del cazzo: Definirlo instabile era dire poco.
Quel posto essendo molto simile a un porto di mare tanto era frequentato fu una vera e propria scuola di vita, le materie e i professori variavano, io dovevo solamente avere le capacità di afferrare gli insegnamenti utili e in pochi attimi estrapolare il buono dal cattivo.
Un fastidioso mal testa si è materializzato: Strani presentimenti m’infondono improvvisi impulsi negativi. Stravolto dai ricordi e pregno di riflessioni ho terminato senza quasi accorgermene il pranzo, chiedo un caffè e subito il conto. La procace bionda mi da l’arrivederci con il solito sorriso formale e coinciso. Esco, sono fuori, piove.
Un trillo, no… lo squillo sbagliato, cazzo me lo sentivo. Rispondo, rigide le parole, fredde come il marmo…”alle quindici devi essere all’aeroporto di Falconara, hai un volo alle sedici, altre istruzioni seguiranno. Clik. Guardo l’ orologio, sono già le quattordici e trenta, è vero l’ aeroporto è vicino comunque devo sbrigarmi. La pioggia si è trasformata, gocce dure come sassi bastonano la mia frastornata testa, entro in auto e sparo al cielo un poderoso Dio che va a fracassarsi contro il tettino. Penso ad alta voce quasi urlo:
-Balle sempre balle! Adesso devo trovare delle scuse con la ditta, anche per Romina, quali? Le solite coliche? Oppure spengo il telefono, poi dirò si era rotto No, non posso spegnere il telefono: Ci penso.
Che palle… maledetto me, maledetto quel giorno.-
Incazzato nero volsi in direzione dell’aeroporto.

Il pescatore

Roma
Sabato 10 novembre ore 14,00
“Mi chiamo Pietro Tarantino, ho ventotto anni, sono nato a Scalea in provincia di Cosenza. Chiuso in questo bagno, aspiro boccate profonde dell’ennesima sigaretta, solo il rumore dello sciacquone mi fa ricordare che purtroppo devo andare.”
“Sono Fabrizio ho venticinque anni, sono all’ultimo anno d’architettura, insieme a me, Gioele e Spider, ci stiamo facendo una canna, non ho voglia di andare e forse non ci vado.”
“Sono Gennaro, sono nato a Pompei il due luglio del 1954. Tra due anni sarò in pensione non vedo l’ ora, dovevo già esserci, con tutte queste riforme mi hanno fregato tre anni.  Pensare  che una volta molti miei colleghi ci andavano con quindici anni di servizio. Ora sono dannato davanti a questo computer, il telefono è muto, da lui aspetto un segnale e spero non arrivi mai.”
Armando cinquantanove anni. “Vengo definito un esodato, termine a me sconosciuto, finché non lo sono divenuto. Arrotolato sotto il braccio uno striscione, stampate delle sigle, non mi appartengono più. Non sono solo, siamo in tanti, venuti in bus da Torino, ci siamo sciroppati quasi settecento chilometri per essere qui; per ottenere cosa? E’ giusto esserci? Non lo so.”
“Mi chiamo Donato, sono con Palma, lei ha ventidue anni, quattro più dei miei. Siamo abruzzesi, siamo qui per divertirci, poi lei mi ha promesso se l’ accompagnavo, facevamo l’amore. Goduria!”
“Sono Diego Loviso, matricola 12-12-443. I blindati hanno il motore acceso, i piloti sono al loro posto. Impaziente aspetto i ragazzi, oggi ci sarà un bel casino, quei bastardi avranno pane per i loro denti.”
Raffy, Carla, Chicca e Cico. “Noi siamo studentesse liceali,  qui per difendere il nostro futuro. Cico ci fa compagnia tra una pisciatina e l’altra, non credo oggi abbia molto da dire, forse da abbaiare, è un bassotto.”
Dal panettiere, Rossana casalinga quarantenne, perennemente insoddisfatta. “Sono stufa, ecco compro il pane, poi non ho soldi neanche per le sigarette, che vita è la mia? Ma tutta sta gente da dove sbuca? Cosa succede oggi?”
Marcello Diamanti vice questore aggiunto; “bestemmio, inveisco contro questi stronzi, non capiscono un cazzo, prima danno degli ordini poi li rinnegano; mio figlio è all’ospedale con la febbre alta e io devo stare qui a rompermi il cazzo con questa masnada d’incompetenti.”
Francesco:
– Gina io abbasso la serranda, tanto oggi qui sarà un inferno , non incasseremo manco un euro e va finire come l’ultima volta, ci rompono la vetrata così è davvero tutta una rimessa.-
-Fai un po’ tu… Tanto la colpa di tutto questo è di Berlusconi e pure tua che l’hai votato.-
-Va be, va be…. a parte Il Berlusca si è dimesso, poi è inutile ragionare con te, manco ce vieni a votà, l’unica volta sei venuta, hai votato Ridge di beautiful sulla lista di Rifondazione. Ma va, va. Io allora abbasso?-
-Va bè Francè abbassa; però adesso statte zitto, sto a vedè Maria; mo’viene il più bello, Antonio della squadra dei bianchi canta il suo cavallo di battaglia:-
-Il cavallo di che??? A Gina… Ma va fanculo.-
“Ahooo semo tanti, semo pronti? Siiiiii. Allora annamo, dovemo beccà le zecche, meglio quelle romaniste, così gli spacchiamo il culo a sta banda di froci e lesbiche. NOI semo li meglio:”
-Cricco hai preparato le molotov?… Ok?  Sì! Allora annamo. Lazio Uber alles, Sigh heil, facemo casino roppemo tutto, a morte gli ebrei, viva il fascio.-
-Ahoo… Ma semo sicuri che sembramo comunisti?-
Emma affacciata alla finestra:- Antò sbrigati mi raccomando non ti fermare alle bocce, ci sta la manifestazione, stanno a partì; fai fare i bisogni a Susi e torna subito a casa, è pericoloso:-
-Si,si non te preoccupà, torno subito, stai tranquilla.-
Il pensiero di Antonio contraddì il suo dire; “due palle, questa scassa da quarant’anni e ancora non è stufa. Va be che devo fa? Oramai me le devo tenè.”
-Dai Susi, andiamo bella.-

Nel chiuso di una stanza.
“Dai fate pippà pure a me, scansateve.”
“Non rompere i marroni, aspetta il tuo turno.”
“Cazzo Silvano, quante pasticche ti sei preso?”
“Che minchia ne so? Oggi so che devo essere al top.”
“Dai sbrigamoce tra poco ci chiamano, forse non succede. Magari no, Speriamo di si. Chissà….”

Questura di Roma Ore 14,30

“Forza… correre, correre, veloci, dai, dai, andare, salire. Blindato uno partire, blindato due via, tre, quattro….. Via, via, partire; blindato venti partire.” Fumo e rumore scompaiono insieme ai mezzi, la carraia si chiude.
Il piantone chiede: -Ispettore chi è che comanda le operazioni sul posto?-
-Quel bastardo di Loviso- è la perentoria risposta, che Dio ci benedica il pensiero del piantone.

ROMA piazza della Repubblica ore 15,00

Tutto è pronto; in un mare di folla il corteo prende forma. Un mondo di colori, di rumore. Rassegnazione e la voglia di sperare in uno stato migliore si avviluppano. Vivere non fuggire. Illudersi in un futuro meno plumbeo non è reato. Capeggiano il corteo qualche sparuta fascia tricolore, pomposi sindacalisti, associazioni di qua, associazioni di là. Leader politici; (rossi rossi,) rossi scoloriti, rossi spenti, antichi crociati, progressisti, moderati e parassiti vari.
Nel nome di libertà e democrazia, bandiere al vento e slogan come una grassa anaconda il popolo inizia a snodare nel viale, accompagnato da una misurata allegria.
Gino, cassaintegrato. Terni acciaierie, Manifatture Val di Sangro, mobilitati. Patrizio Nadia Francesca\o Marino Pasquale ect ect ect ect……….. disoccupati.
Pensieri discorsi e preoccupazioni sparse. Un mirabolante emisfero.

Roma via Nazionale ore 15,15

Stefania, Rosa, Manuela. Infermiere hanno appena finito il loro turno di lavoro:
-Hai visto quanta gente?- -Mamma mia! Proprio tanta; perché non ci uniamo anche noi.-
-No, Stefania è impossibile, i ragazzi sono a casa, mi aspettano.-Manuela sostiene con tono incerto.
-Io devo andare a fare la spesa.- Soggiunge Rosa
-Oh via ragazze, è dai tempi della scuola che non partecipo ad una manifestazione. Vi ricordate quando scendevamo in piazza a protestare? Quanto eravamo belle.- Si, soprattutto giovani, fu la replica dell’altre due. Stefania insiste:- Andiamo ragazze, via, una passeggiatina ci farà bene; magari buttiamo giù qualche grammo di grasso.-

Rosa, Manuela,  sono convinte; “ma si andiamo cosa vorrà succedere?” Felici: “Tremate, tremate, le streghe son tornate.”

Placida la scia umana avanza.

Roma un palazzo di potere ore 15,16

Ombre nelle ombre. Tendaggi grevi, abiti blu, discorsi smorzati; misteri e tradimenti. Qualcuno afferma… nervosismo… la decisione.

Marcello Diamanti, vice questore aggiunto:
– Pronto… Mi dica signore… Siamo sicuri? No dottore, non contraddico, eseguo immediatamente… Mi scusi, il Signor Questore è lì con voi? Bene ho capito. Lo faccio subito.-
Telefono ancora in mano, la rabbia esplode. Pensieri ad alta voce “stronzi maledetti, a che cazzo serve tutto questo? Non lo capisco proprio, finché non ci scappa il morto questi bastardi non sono contenti.” Compone immediato un numero telefonico.

Ciò volevo non accadesse, sta accadendo, il telefono sbagliato squilla; rispondo è l’ordine. Gennaro chiude la chiamata, affogato da un pensiero “maledetti” dà ancora un’ occhiata allo schermo del pc, vede il corteo procedere pacifico nessuna turbolenza, si chiede ancora il perché di quell’ordine. Resetta il da farsi; urla:
-Scasazza; Fai uscire quei dannati dei nuclei:-
-E’sicuro ispettore?-
– Purtroppo si; l’ordine è arrivato:-
-Va bene, ora li vado ad avvertire.-
Scasazza bussa ad una porta, entra. Dandosi tono tuona:
-Ragazzi dovete andare tocca a voi. Sapete cosa dovete fare,Vero? Niente pistole, niente distintivi, siete gente comune, infiltrati. Ok?-
Gli agenti del nucleo speciale ammainano i sorrisi impressi fino a quel momento nei volti, qualcuno velocemente incarta della stagnola, chi pulisce alla meglio il piano del tavolo da residui di polvere bianca.
Silvano dice a Pietro “annamoce a divertì;” non c’è risposta.

Roma via Nazionale ore 15,30

La variegata onda umana scivola, speranza e cori di protesta, nessuna violenza.
All’improvviso urla, concitazione; cassonetti dell’immondizia bruciano, fumo, stupore, fiamme si levano al cielo, sconquasso. Cosa succede?
L’incolumità del corteo è minata i funesti presagi configurati. La testa non sa quello che succede in coda, il flusso inizia a discrepare. Brillare di elmetti riflessi su lucidi scudi; la celere si schiera; ragazzi, pensieri tumefatti, inquietudine, solo ragazzi in divisa, solo dovere, solo lavoro. Sassi, lacrimogeni minano lo scheletro della sfilata, il demone della violenza si è impadronito di quel sabato pomeriggio.
Loviso ricetrasmittente in mano impartisce comandi. Farnetica:- fermate quei bastardi di anarchici insurrezionalisti. Caricate, spezzateli.-
Rosa è sola non trova Manuela e Stefania, panico… “Perché mi sono fatta convincere?”
Rossana contava gli spicci, la sua principale preoccupazione in quel momento era acquistare le sigarette, quando è travolta da uno tsunami, cade a terra, scarpe da tennis fuggono, anfibi inseguono, manganelli che roteano. Dolore alla schiena, trambusto, “cosa succede?” Fu il suo pensiero.

Roma Piazza Venezia ore 16,30
La guerriglia urbana infuria la città è sotto tiro, auto in fiamme, vetrate in frantumi bancomat divelti. Fumo, sconfinato terrore. Sottotitoli dell’apocalisse.

Roma Piazza Bocca Della Verità ore 17,00

L’anaconda è morta come squartata. I leader defilano, nessun retorico discorso. Echi di guerra giungono, nulla è definitamente placato, sirene stridono dolore, fibrillazione, spavento. In un lavarsi di mani, giustificazioni in corso. Dense nuvole di fumo, acre odore, disorientati Susi e Cico abbaiano alla ricerca dei loro affetti guida.

Questura di Roma ore 19,00

L’ ultimo blindato fa ritorno, volti asciutti, provati, nessuna soddisfazione riga i visi, stanchezza solo voglia di riposare, di non pensare. Svuotati i celerini riconsegnano gli armamentari, eccoli gli invincibili cavalieri di giustizia tornare ad essere semplici ragazzi. Una voce fa eco su tutte:
-Per mille e duecento euro al mese cosa siamo costretti a fare.- Qualcun altro contrappone:
-per fortuna abbiamo portato a casa la pelle.-

E’notte.

Mi chiamo Pietro Tarantino ho fumato la milionesima sigaretta della giornata, tiro lo sciacquone, vado a casa. Oggi è stata l’ultima volta; nessuno più mi costringerà a provare vergogna di me, scelgo l’incerto per il certo. Nessun distintivo, niente più armi, domani respirerò quella povera brezza di mare e sarò solamente Pietro il pescatore.

OGNI RIFERIMENTO A PERSONE, COSE E FATTI REALMENTE ACCADUTE SONO DA RITENERSI PURAMENTE CASUALI.

Tag Cloud