Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

Articoli con tag ‘morte’

Infinito colore

k4

In ogni angolo, ogni vicolo

il sudore, la polvere, sprazzi di vita

mi dicono di te, ogni strada mi ricorda di te

un fiore in una rua, una lacrima schiantata su un sasso

una rondine nel nido

i panni stesi, odori di cucinato

la rua, la vita, l’ amore

tu eri mia e forse di tutti

eri la vita, la morte, l’ amore,

la mia esistenza,

tu un cuore, un colore diverso dal mio

da tutti, la gente la maldicenza, l’ asfalto

il ruzzolo di un organo, la fine

io son qui e continuo ad aspettarti

finché morti non ci separi

oh dolce amore, infinita bellezza infinito colore

infinito amore tu il cielo, il mio oro il mio vanto

tu mia per sempre

oltre il rancore il pudore la sordita provincia

tu il mio canto, la musa, l’ incanto

Ci fu un tempo

Ci fu un tempo per la vendetta, uno per l’odio
un altro per il rancore, il furore e la rabbia
ci fu un tempo per piangere, per non vivere
ci fu un tempo che fu mio, nostro
ci fu un tempo dove mi chiamavano padre
masticai terra amara e tabacco, bevvi vino e varechina
ci fu un tempo dove nulla mi incuteva paura
dove il vento fischiava forte e il mare aveva il sapore aspro della burrasca
ci un fu tempo per l’amore
ci fu un tempo in cui ero solido e vivo
lascio i ricordi e un paio di soldi
delle scarpe nuove e un bicchiere di rosso genuino
creduto sotto un pino porgo un gentile saluto
e con allegra maldicenza
brindo a voi brindo alla morte

Lupo_001

SONO IO

In ogni tua forma ti detestò
parassita
quante facce hai
occhi di serpente
gelido il respiro dissemini veleno
sarcasmi meschini ti prosti annuisci
di punto feroce
alla schiena colpisci
quante facce hai
vino bestemmie peccato senza fine io
senza anima tu
un velo sottile
copre il vuoto del tuo essere
non c’è storia
né futuro né passato
solo questo presente devastato
arido di gemme e amore
chiudi gli occhi
non hai onore trasudi rancore
sultano della vergogna
va via sparisci
meriti la trucida gogna
togli la maschera
ancora l’altra ed ancora l’altra
non sei andato via
mostra il tuo sudicio volto
non mi hai dato ascolto
guaisci e striscia
ora son qui e abbi paura
perchè così ho deciso
questa è l’ora
sono io il più forte
sono io
la morte

Tag Cloud