Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

Sai mi dispiace

DSC_1078

 

Sai mi dispiace

vederti: trasformare impoverirti camuffarti

guardarti mentre ti affardelli nei gesti del brusio quotidiano

cadendo in uno stato di miseria umana

facendo finta di niente, mentre soccombi e ti arrendi

ti dibatti, fingi di crederci e urli al mondo

“No. non è vero. Io non sono in tal modo.”

Nel frattempo piangi come un animale ferito, non più libero

ora sai che sei diventato da cortile, un oca starnazzante, insulsa

e comunque urli ancora

“Io non sono questo!”

Sai mi dispiace non riconoscerti

a volte, spesso, non mi riconosco neanche io

e questo mi duole ancor più

vorrei trovare il coraggio di dirti:

non venderti, non farti male ancor più del necessario

la vita è fatica, il pane è spesso raffermo

non cadere nel tranello, è banale fin troppo scontato

tu, noi, cerchiamo di evitare, non inciampiamo, non sprofondiamo

non vendiamoci per dei volgari centesimi

la dignità di un essere umano non si baratta con nulla

non esiste un prezzo

guardarsi allo specchio e vedersi per quello che siamo

è il sole nel sole anche quando fuori è freddo

sai mi dispiace amico mio vederti ridotto così

davvero

io come un inutile Don Chisciotte

vagheggio immerso in un buio pesto

quello delle nostre vili esistenze

sai mi dispiace

davvero tanto

vederti così, vederci così

 

Dedicata un po’ a me,  un po’ a te

Un po’ a noi,

Un po’ a tutti…

Annunci

DSC_1577

In un luogo che chiamo casa
dove la spiga è grano,
dove il grano è pane
dove il pane è vita
dove l’armonia è antica e genuina
intinge il cuore e bagna le gote
in questo lido respiro e vivo
da solo o in compagnia
di fatto in allegria
brindo alla gioia
brindo a voi.

ricordi

Una pagina bianca, chiara

luce a mezzogiorno

il vagito

una vita

l’ uomo, i suoi sogni

e ancora la vita

il mistero la fatica

qualcuno morì

altri dopo, la sequenza di un film in bianco e nero

il fiume, la capra, le albe

il sorriso di una donna; tua madre

vivo nato dal giorno che non ricordo

e sono qui

negli occhi ricordi,

soltanto ricordi,

tra le stelle e i caffè

scintillano nella memoria

di chi non può e non vuole dimenticare.

 

Alle sfumature di una vita.1503269608182

 

 

 

Non ho più tempo

DSC_0962

 

Non ho più tempo per avere tempo,

alcuna illusione per sentirsi un eroe

non ce più spazio per avere spazio

i giorni affannano, i pensieri, i malanni assalgono

trafiggono

pirati trasversali nell’ignoto di un qualsiasi universo

c’è fuoco a valle, regine e danari danzano

non c’è più tempo per fare, comporre, dannarsi

riposo;

godo di questo poco sole e di un filo tenue,

fumo di pipa

dall’uscio or guardo;

per strada nessuno, neanche le ombre,

nessuno

devo rientrare, mi devo sbrigare

non ho più tempo

ma,

ho ancora qualcuno  che mi aspetta

qualcuno d’ amare

non ho più tempo,

lo ruberò

Un augurio

20150421_153109Un nero mantello un volto velato

seni pesanti e labbra rosse

una nota canzone

un bacio un soldo un arancio

l’amore a ore

un fiume, ci scorre la vita

un canto di un gallo

un’ alba germoglia

il pericolo è passato

la guerra è finita

DSC_0160

Cuore di piombo, un abuso grigio

finestre, nessun amore, odiose fessure

bambini tristi, stracci i balocchi

il tanfo e il disgusto insopportabile

movenze insostenibili: sesso laido, lurido

corpi nudi: uomini e donne: demoni

gente di poco conto, polvere e deliri

goffe controfigure umane

notti insonni, albe rovinate,

volti deturpati derubati del primitivo stupore

uno stuolo di piccoli vampiri sghignazzano

un orrido incubo, fiamme da cui impossibile liberarsi

bruciano, ancora bruciano

nessuno è vivo

qualcuno sopravviverà nonostante

il resto soltanto fiori lugubri

allucinazioni

polvere alcol miseria desolazione

il nuovo mondo è già scomparso, forse non è mai sorto

qualcuno ride, altri bevono e gridano,

folli persi nella loro stessa follia

presunta vita.

la fine è qui in questo posto chiamato inferno

punto zero, al centotrentanove

Amati

DSC_2889

 

Cogli l’attimo non farti fregare

ruba una mela anche due

sussurra parole di miele

ruba dei fiori regalali a un cuore

usa spezie profumate ingioiellati

non nutrirti di surgelati

bevi vino rosso costoso e succulento

muori per la vita amala

ascolta musica, buona musica

leggi sii colto non farti truffare

balla e ridi

sii te stesso ma anche no

non fa nulla, cullati nel bel vivere

si felice sogna ad alta voce. Amati

 

Tag Cloud