Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

il tempo

 

DSC_1738
Il tempo ascolta il tempo

il pulsare del cuore

gioco di specchi, antiche magie

riflessi, inganni, refusi

inesorabili  abitudini

il tempo

transuma nei pensieri

affonda nella radici interiori del profondo

scruta osserva e passa

io resto e aspetto

il mio vivere qui

sognando un giorno felice

che sia ieri, oggi, non lo so

forse domani…

Io aspetto.

 

il vento

Non ci sono parole da dire, soltanto un gran dispiacere e tanta tristezza.

Eri e sarai sempre il mio buon vento.

Ciao Ivana.

Semprevento's Blog

DSC_1394Già, il tempo è scaduto ed io devo andare.

Il mio andare è restare qui, senza poterti dire quello che penso.

Ma tutto mi appare più chiaro, indelebile.

Hai scelto il silenzio . E sia, silenzio avrai.

Buon cammino .

Il mio sarà sempre in compagnia di chi non mi ha tradito mai.

Il tuo… non lo so.

vento

View original post

Cenere

DSC_1515

Un suono, un giocattolo rotto
clamore e stupore, vetri infranti
giochi e cattivi esempi, uomini
assurdo pensare alla salvezza di qualunque natura essa sia
il bicchiere è vuoto, l’ho bevuto.

Adesso cosa succederà?

In quale luogo sarò collocato?
Piove, acqua oscena, sporca.
Drammi non ne farò, oltre le nuvole volerò
il passato non ha pulito l’ anima
ha solo sdrucito la già risicata dignità.

Ferite come solchi, fratture nella mente
cosa me ne faccio di una vita se non so come viverla?
Qual’è il mio ruolo in questa terra?
Quesiti al futuro, paure al presente,
brividi nelle notti, infinite, lucide, insonni
senza stelle e nessuna luna
come foschi presagi ombre, gatti neri,

neri, come la pece.

Cosa sarà di questo vivere?
La sorte vigliacca e assassina alberga ibrida

camuffata nella cenere di un fuoco oramai spento.

 

Poesia scritta nel febbraio del 2014 in un evidente stato di euforia. L’ho trovata per caso, mi è piaciuta l’ho pubblicata

Un saluto ancora a chi di tanto in tanto visita questo mio trascurato, ma amato blog.

Grazie

pizzaballa

Te recuorde nanze a lu barre a Porta Capeccina?

Eravame frichì c’ avevame li cazzelette corte

oh, ma mica sentavame fridde, pure se era gennare

do tire a lu pallò e può tutte annanze a Guerì

a scambia li figurì:

ce l’ ho, c’l’ho, me manca, oh pizzaballa chi lu tè?

no, però tenghe lu scudette dell’ Ascule!

Che bieglie tiempe, quanta spensieratezza

magari arevenesse e, che glie vuo fa? Lu tiempe passa…

Rengrazieme Criste che ancora steme ecche a raccunta.

Vabbè mo però famme rii che senno mogliema chi la sente?

E’ pegge de nu carabbeniere, ma che glie vuò fa?

Chesta è la vita adde che li fugurì

può alla fine amiche mie sa che te diche ?

Vabbè pure cuscì

scambio di figurine

Una danza malinconica

amazonia_640_ori_crop_master__0x0_640x360

Inerme non reagivo

l’ inferno intorno a me

fiamme divoravano il presente

uccidevano le speranze di un presunto futuro

alberi piangevano morendo

la mia gente, i miei luoghi, Leggi il seguito di questo post »

Ricordi d’ estate

021

Ricordo un mattino d’ estate

grappoli ancora acerbi pendevano dal verde fogliame

mia nonna, le sue ciambelle che odoravano di sorrisi

la fonte, la gioia di quell’ acqua fresca, pulita

il marmo, i giochi, fantasie di bambino

il silenzio dell’ essere soli

la scuola era finita, il mare un miraggio

la mia fonte, la mia spartana felicità

faceva caldo ed era soltanto l’ inizio di una lunga estate

la mie sole amiche l’ acqua, la fonte

ricordi di un infanzia oramai lontana

troppo lontana.

Non togliermi i sogni.

Non togliermi il sorriso, i sogni

illudimi che un futuro esista davvero

che sia possibile, che sia pane, acqua, sia vita

non uccidere la mia anima, rendi il mio pensiero libero

di viaggiare, vedere e perché no estasiarsi

lottare

per qualcosa di profondo, certo non il banale.

Non togliermi i sogni per favore,

no quelli proprio no.

Non posso permettermelo sarei già morto.

Ora guardami, prendimi la mano e portami via con te

insieme assembliamo il concreto

che possa somigliare a un qualcosa che brilli

magari sarà una stella.

Cloud dei tag